Cesenatico: viaggio fotografico di Liuzzi per la città, debutta il libro

Cesenatico: viaggio fotografico di Liuzzi per la città, debutta il libro

CESENATICO - Uno straordinario viaggio fotografico alla scoperta di Cesenatico, dei suoi angoli più caratteristici e dei volti dei suoi abitanti. Si presenta così "Cesenatico", volume che raccoglie un anno di scatti di Luciano Liuzzi, manager di imprese di valore nazionale, qui nelle vesti a lui care di artigiano dell'immagine. Il libro, pubblicato per i tipi della bolognese Minerva Edizioni, sarà presentato sabato 12 dicembre alle ore 11 presso il Museo della Marineria.

 

Il volume si apre con la presentazione del sindaco Nivardo Panzavolta. "Questo libro si pone su un piano certamente diverso da quello delle normali fotografie - dichiara il Sindaco di Cesenatico Nivardo Panzavolta - e il reportage di Liuzzi può essere considerato di per sé un'opera di arte visiva".

 

Alle foto di Liuzzi, che racconta una umanità gioiosa e vitale, colta nei momenti che ne caratterizzano il rapporto con la città leonardesca, fa da contraltare il ricco apparato testuale dello scrittore e giornalista Leo Maltoni, il quale ha vergato, prima ancora che un saggio, un vero e proprio omaggio alla città, uno spaccato che coglie l'essenza della storia e delle abitudini della romagnola "Ziznatic".

 

Scopriamo così ad esempio che Cesenatico nasce dalla volontà dei Malatesta, signori, di Cesena, di creare un propio approdo sicuro. Oppure che il primo stabilimento balneare è stato inaugurato il 22 maggio 1878, inugurando così la vocazione turistica della città.

 

Le fotografie di Luciano Liuzzi si concentrano sulle persone, cercando di cogliere i particolari della quotidianità di chi vive Cesenatico non solo come località turistica, ma anche come luogo di lavoro, di incontro, di impegni, insomma come luogo della propria vita. Le immagini fresche, frizzanti, a volte fortunate, ma mai didascaliche, trasmettono al lettore sensazioni che vanno oltre l'aspetto visivo, coinvolgendo tutti i sensi. Si colgono infatti gli odori delle barche dei pescatori, i profumi che escono dai ristoranti del portocanale, il vociare della spiaggia, il freddo sui volti dei pescatori in inverno.

 

Naturalmente lo sguardo del fotografo si è concentrato non solo sulle persone, ma anche sulla città, sia nella sua parte storica, sia negli ambiti che la rendono una dinamica fucina di ricerca storico-culturale il cui fulcro sono la Biblioteca Comunale, Casa Moretti e il singolare Museo della Marineria. Senza contare le rive del portocanale leonardesco, le antiche costruzioni, le due chiese di San Giacomo e di San Nicola di Bari che ospitano pregevoli opere d'arte del 1500 e del 1600, i negozi, le botteghe artigianali, l'andirivieni sulle banchine, l'approdo delle barche cariche di pesce, la vendita nel Mercato Ittico e nella Pescheria.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -