Cgil, in regione la mozione di Epifani si ferma al 58% tra i lavoratori attivi

Cgil, in regione la mozione di Epifani si ferma al 58% tra i lavoratori attivi

Cgil, in regione la mozione di Epifani si ferma al 58% tra i lavoratori attivi

BOLOGNA - In Emilia-Romagna il 69,15% degli iscritti alla Cgil ha scelto la mozione "I diritti e il  lavoro oltre la crisi", quella del segretario Guglielmo Epifani. Si ferma quindi al 30,85% "La Cgil che vogliamo", che vede come primo firmatario il segretario dei bancari Domenico Moccia e tra i sostenitori la Fiom di Gianni Rinaldini. Sono i dati a disposizione di Bruno Papignani, segretario bolognese della Fiom: cifre non ancora ufficiali ma certificate.

 

La mozione 2 li accetta, mentre per altre realta' territoriali parla di "dati non credibili". Sempre a livello regionale, tra gli attivi la mozione Epifani scende al 58,11% (e Papignani giudica "molto alto" il 41,89% della 2). Tra i  metalmeccanici la mozione "di casa" ha registrato l'83,74%, a fare da contraltare sono i pensionati dello Spi che invece hanno scelto al 95% il documento Epifani. Rinaldini, tra l'altro ex segretario della Cgil dell'Emilia-Romagna, commenta con un "mi soddisfa" il risultato regionale e guarda con una punta di orgoglio alla sua Reggio Emilia dove, anticipa il leader delle tute blu, la mozione 2 ha vinto anche nel computo complessivo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -