Chiusura Fincantieri, proteste a Genova e Castellamare

Chiusura Fincantieri, proteste a Genova e Castellamare

Chiusura Fincantieri, proteste a Genova e Castellamare

MILANO - Martedì di protesta per i lavoratori Fincantieri contro il piano industriale dell'azienda nel quale si prevede, tra l'altro, la chiusura dello storico cantiere navale di Genova, a Sestri Ponente, e dell'impianto stabiese, nel Napoletano, oltre al ridimensionamento di Riva Trigoso. Tensione a Genova, dove si sono verificati degli scontri tra manifestanti e forze dell'ordine in assetto antisommossa. Nella circostanza sono rimasti feriti due operai.

 

Il presidio si è sciolto solo a metà pomeriggio. Tensione a Castellamare di Stabia, dove lunedì sera tre operai hanno fatto irruzione nel Municipio, occupando gli uffici e costringendo il sindaco Luigi Bobbio, il vice sindaco, Giuseppe Cannavale, il comandante dei vigili urbani, i capigruppo dei partiti ed alcuni consiglieri comunali a rimanere a lungo nel palazzo. Danneggiati anche  vetri, mobili e suppellettili.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quattro tra sovrintendenti e agenti di polizia feriti, sono stati medicati in ospedale e giudicati guaribili con prognosi tra i 6 e i 7 giorni. Martedì mattina un gruppo di operai ha bloccato, in entrambe le direzioni, la strada statale sorrentina. La statale è stata riaperta per una trentina di minuti. Il ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani ha convocato, per venerdì 3 giugno, i vertici di Fincantieri e i sindacati nazionali per fare il punto sul piano di riorganizzazione industriale reso noto dalla società.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -