Ciancimino jr: "Mio padre intervenne per non far liberare Moro"

Ciancimino jr: "Mio padre intervenne per non far liberare Moro"

L'ex sindaco di Palermo, Vito Ciancimino

PALERMO - "Nel 2000 mio padre mi disse che i cugini Salvo e l'onorevole Rosario Nicoletti, ex segretario della Dc siciliana, si erano rivolti a Salvo Lima dicendo di essere in grado di dare indicazioni sul luogo in cui era tenuto prigioniero Aldo Moro". E' una delle ultime rivelazioni rese da Massimo Ciancimino ai pm di Roma confluite nel processo al senatore del Pdl Marcello Dell'Utri. Le carte sono state inviate alla Dda di Palermo perchè contengono anche parole su Dell'Utri.

 

I pm del capoluogo le hanno inviate al pg che sostiene l'accusa nel processo al senatore. "In seguito - ha aggiunto Ciancimino jr. - a mio padre era stato chiesto di impedire la liberazione dello statista dal segretario della Dc Zaccagnini attraverso Attilio Ruffini. Analoga richiesta gli era giunta da appartenenti a Gladio, nella cui struttura mio padre era inserito, e dai servizi segreti".
 
"Mio padre - ha concluso il testimone - mi ha detto di avere incontrato Pippo Calò che gli disse che era stato interessato per individuare il covo di Moro, attività che aveva svolto servendosi dei suoi amici della banda della Magliana e che aveva consentito di stabilire che Moro era in via Gradoli. Disse a Calò che non si sarebbe più dovuti intervenire per la liberazione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -