Ciclismo, domenica il Giro di Romagna: cent'anni portati benissimo

Ciclismo, domenica il Giro di Romagna: cent'anni portati benissimo

Ciclismo, domenica il Giro di Romagna: cent'anni portati benissimo

LUGO - Tutto pronto per il Giro della Romagna, la storica gara ciclistica per professionisti, che quest'anno compie 100 anni. In programma domenica 5 settembre, il Giro prevede la partenza e l'arrivo a Lugo di Romagna. Due Province e 19 Comuni, per un totale di 210 km (90 nel forlivese, 110 nel ravennate) attraverso quasi tutti i centri storici e i borghi dei Comuni attraversati. Si sono svolti alcuni eventi per celebrare non unicamente l'aspetto sportivo, ma anche la connotazione identitaria dei territori toccati dal percorso.

 

Il 22 luglio scorso, nello storico velodromo "Glauco Servadei" di Forlì, si è tenuta la manifestazione  "Il Giro della Romagna...su pista"; il 1 agosto si è invece gareggiato il "Girino della Romagna", la mini gran fondo per Giovanissimi, nelle strade di Lugo e Bagnara di Romagna; infine la pedalata cicloturistica-amatoriale "In giro...per la Bassa Romagna", in collaborazione con la Uisp Bassa Romagna, le Società Velociraptor, G.C. Bagnacavallo, G,S, Boncellino e il Comitato Provinciale di Ravenna della FCI, il 29 agosto.

 

Altri eventi sono in programma: l'inaugurazione della mostra fotografica e documentale dedicata al grande Fausto Coppi, in occasione del 50° dalla morte, in programma il 3 settembre all'Auditorium comunale di Fusignano, organizzata con l'Associazione "Giro della Romagna.net" ed il Comune di Fusignano, che sarà allestita fino all'8 settembre in concomitanza con le festività del paese; infine la presentazione del libro "Giro della Romagna, cent'anni portati bene" di Vittorio Tampieri, in programma il 13 settembre al Teatro Rossini di Lugo, che avrà come relatore proprio il sindaco di Forlì Roberto Balzani.

 

Inoltre il 5 settembre, durante le operazioni di partenza ed arrivo del Giro, sarà aperto un apposito ufficio postale per l'Annullo postale del Centenario. Durante la cerimonia protocollare, infine, saranno premiati i Giovanissimi della speciale classifica del Girino della Romagna.

 

L'edizione 2010 si caratterizza quindi per un programma ricco ed impegnativo cui hanno collaborato numerosi enti di promozione sportiva, istituzioni ed associazioni. "Aldilà dell'aspetto prettamente sportivo, ad emergere in modo significativo è il valore culturale ed identitario che la bicicletta ha per il nostro territorio, tanto da essere stata scelta anche come simbolo dell'Unione:- dichiara Mirco Bagnari, referente per le Attività Sportive dell'Unione dei Comuni e presidente del Comitato promotore del Giro -. L'edizione del Centenario si fa promotrice del territorio e coinvolge numerosi altri enti al fine di realizzare tante iniziative. Motore di tutto è la Ciclistica Baracca, che già lo scorso anno contribuì alla costituzione dell'associazione "GirodellaRomagna.net", attore primario anche in questa edizione, nata nell'agosto 2009 grazie all'idea di 20 soci fondatori partecipanti ad un percorso con formativo promosso in primavera da Cna Turismo".

 

"Era il 1 maggio 1910 quando un gruppo di temerari diede il via all'avventura di questo nostro Giro della Romagna - spiega Giorgio Tampieri, Presidente della Ciclistica Baracca -.  Sono passati cent'anni e oggi, temprati dall'esperienza delle edizioni precedenti e dalle difficoltà sempre presenti, vogliamo celebrare quest'avvenimento nel modo più degno. È per questo abbiamo pensato ad un progetto, ambizioso, che ci serva per il futuro. Già fin dallo scorso 2009, si posero le basi per ciò che si vuole promuovere oggi, vale a dire l'associazione GirodellaRomagna.net alla scoperta di terre, passioni e valori, fortemente voluta dalla Ciclistica con l'apporto determinante della Cna, il Comitato istituzionale, il cui presidente è Mirco Bagnari, coadiuvato dall'Assessore allo Sport della Provincia di Ravenna, la collaborazione aperta a FCI, UISP, UDACE e con gli organizzatori delle gare professionistiche dell'Emilia. In occasione dei cent'anni del Giro, quest'anno la Ciclistica Baracca si è mossa per il futuro - continua Tampieri -. Lo ha fatto cercando collaborazione al fine di creare l'aggregazione necessaria per dare il giusto rilievo all'evento. Il calendario di iniziative che precedono e seguono il Giro del 5 settembre non fanno solo da corollario alla manifestazione, ma sono parte integrante di essa".

 

A caratterizzare l'edizione del Centenario un'immagine coordinata, celebrativa, che rappresenterà un segno di riconoscimento per tutte le manifestazioni, sia dirette che collaterali, che abbiano riferimento alla celebrazione del Giro, nonché uno strumento significativo per tutti coloro che si sentano coinvolti nel progetto e ne condividano gli scopi.

 

"E' sempre positivo quando si coniugano sport e territorio - commenta Raffaele Babini, Direttore dell'organizzazione del Giro della Romagna -, ancora di più quando ad essere determinante per la realizzazione di questi eventi che racchiudono la nostra terra è lo spirito di collaborazione e di squadra che anima tutti coloro che fanno parte della macchina organizzativa. Non è solo un momento tecnico, sportivo, ma un valore aggiunto per la nostra realtà e l'unico modo per mantenere alta la nostra territorialità".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -