Civitella, Chiara Cesarini eletta vice-sindaco. L'opposizione: "Rifondazione è scontenta"

Civitella, Chiara Cesarini eletta vice-sindaco. L'opposizione: "Rifondazione è scontenta"

CIVITELLA - Giovedì 25 giugno alle ore 20:30 presso la sala Comunale di Civitella di Romagna si è tenuto il primo consiglio comunale della nuova amministrazione. I consiglieri di "Identità e Coraggio", Pietro Miliffi, Daniele Santandrea, Enrico Celli e Francesco Samorani hanno ringraziato il 41% degli elettori che hanno sostenuto il gruppo.

 

"I consiglieri di IDENTITA' e CORAGGIO - si legge in una nota - hanno manifestato l'intenzione di mettersi al servizio della collettività contribuendo, con una corretta opposizione, all'amministrazione del Comune di Civitella di Romagna al fine di mantenere gli impegni assunti in campagna elettorale".

 

"In aula - prosegue la nota - è stato ricordato al neo sindaco eletto, Pierangelo Bergamaschi (PD) che la sua coalizione ha ottenuto i maggiori consensi nel capoluogo di Cusercoli mentre nel capoluogo di Civitella ha perso e per questo ci si augura che sappia essere il Sindaco di Tutti e non solo di quelli che lo hanno sostenuto".

 

"La serata è proseguita con la ratifica di varie delibere lasciate in "eredità" dalla giunta uscente di Giovanni Felice (PD), la nomina del vice sindaco attribuita alla posizione più moderata del gruppo la Sig.ra Chiara Cesarini. Tale nomina però pare aver scontentato le anime più estreme del PD come del resto Rifondazione Comunista che avrebbero caldeggiato ben altra candidatura. La spaccatura nella coalizione di Bergamaschi, seppure muova i suoi primi passi, è già evidente tanto che durante la presentazione non sono stati svelati gli assessorati. Chissà cosa bolle in pentola!" si legge nella nota di Identità e Coraggio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -