Civitella. Dopo l'ordinanza, scompaiono i panni stesi

Civitella. Dopo l'ordinanza, scompaiono i panni stesi

Civitella. Dopo l'ordinanza, scompaiono i panni stesi

CIVITELLA - Non ci sono più i panni stesi per strada. L'ordinanza del Sindaco di Civitella, Pierangelo Bergamaschi, ha avuto effetti immediati. Merito forse delle sanzioni previste per i trasgressori, da 25 a 500 euro. Fatto sta che questo curioso divieto, deciso dal primo cittadino, è stato voluto partendo dalle lamentele degli stessi civitellesi, che non potevano più vedere mutande e lenzuola in bella mostra per le strade del paese. Addirittura si vedevano grucce appese alle sporgenze degli alberi.

 

Lo racconta Bergamaschi al Resto del Carlino. Piazze attrezzate come lavanderie, fili per stendere il bucato fissati ad alberi e pali della luce, stendini per strada e in piazza. Erano in tanti a lamentarsi e mercoledì è arrivata l'ordinanza che ha avuto, almeno per ora, un effetto immediato.

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Mattia
    Mattia

    Era ora

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    Al di là dei casi come questo, sul merito dei quali si può essere d'accordo oppure no, osservo che i sindaci tendono ad abusare dello strumento dell'ordinanza, che dovrebbe avere in generale carattere provvisorio, di urgenza, e che dovrebbe in tutti i casi essere adeguatamente motivata. I sindaci sembrano sempre più personaggi del far west, che si appuntano una stella sul petto e si propongono alla città come "lo sceriffo". E non vedo, a parte qualche eccezione clamorosa, grosse differenze tra le ordinanze dei sindaci leghisti del Veneto e quelle dei nostri sindaci PD in Romagna.

  • Avatar anonimo di mestesso
    mestesso

    invece di fare ste...(bip)... pensate al RUE che è otto mesi che lo dovete portare in consiglio! Per fare sparire 4 lenzuola bastava mandare un vigile ad avvertire i cinesi/albanesi, non c'era bisogno dell' ordinanza.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -