Civitella, nomina cancellata col bianchetto. Il sindaco: "Raggi era d'accordo"

Civitella, nomina cancellata col bianchetto. Il sindaco: "Raggi era d'accordo"

Civitella, nomina cancellata col bianchetto. Il sindaco: "Raggi era d'accordo"

CIVITELLA - Dopo le aspre polemiche sui giornali sul cosiddetto "scandalo del bianchetto", con la lite tra il sindaco Pierangelo Bergamaschi e il capogruppo di maggioranza Luca Raggi, che sarebbe stato cancellato dalle elenco dei nominativi proposti per la commissione ambiente, arriva la spiegazione attesa del sindaco, che spiega: "Il capogruppo Raggi mi disse di non nominarlo e di sostituire il suo nome con quello di Casetti".

 

In particolare, dice Raggi: "Nel documento oggetto degli articoli di stampa , si è proceduto alla correzione del nominativo Luca Raggi ed alla indicazione del nominativo " Janosi Casetti " , non quale modificazione o alterazione di un documento di designazione , ma perché il capogruppo Raggi ( che mi consegnò brevi manu il documento , che poi assunse protocollo 0012066 ) disse di non nominarlo quale membro della commissione ambiente e territorio, e mi indicò lui stesso di sostituirlo con il nominativo Janosi Casetti".

 

E ancora: "Detta circostanza è peraltro un fatto noto in quanto gli stessi consiglieri concordarono la nomina così come scaturita nel documento finale, ratificato con atto formale del sindaco datato 29 ottobre 2010. La nomina quindi risulta corretta e i nominati corrispondono alla volontà del gruppo consigliare (capogruppo compreso), in quanto scelti all'interno dei gruppo stesso in conformità al regolamento".

 

Insomma, non ci sarebbe l'alterazione di un atto formale, per il sindaco: "Questi sono i fatti e gli atti formali compiuti dall'Amministrazione comunale: a questo punto auspico che la Commissione avvii nel più breve tempo possibile i propri lavori e che si possa riprendere immediatamente a discutere e confrontarci sui progetti e sul futuro della nostra comunità locale".

 

Pronta la replica dell'opposizione di Identità e Coraggio: "Leggiamo stupiti il comunicato stampa del Sindaco di Civitella Pierangelo Bergamaschi che, in merito alla oramai nota vicenda del bianchetto, forse senza neppure rendersene conto, di fatto si assume la responsabilità della alterazione del documento ufficiale protocollato , a firma del capogruppo di maggioranza Luca Raggi".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora: "A noi non interessano le beghe interne alla maggioranza, noi però pretendiamo da chi amministra il nostro Comune la massima trasparenza, il massimo rigore e soprattutto che non si arrivi mai più addirittura ad alterare atti pubblici con metodi vietati dalla legge (art. 7 comma 2 dpr 445/2000 ) con modalità talmente sbarazzine tipiche di chi ha scambiato la gestione della casa comunale con l'amministrazione della casa del popolo. Convinti che la magistratura vorrà riaffermare e ripristinare la legalità e la trasparenza anche a Civitella, ci facciamo infine portavoce dello sgomento della popolazione tutta nei confronti di questa accozzaglia oramai al completo sbando e incapace di dare adeguate risposte i problemi dei cittadini. Davanti a tali ammissioni di responsabilità crediamo sia doveroso, per rispetto ai cittadini, che il Sindaco debba rassegnare immediatamente le dimissioni".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di mestesso
    mestesso

    "brevi manu" dovrebbe Dare le dimissioni sto Sindaco.....è come Berlusconi !

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -