Cocaina servita al ristorante nella ''dolce vita'' riminese: 7 arresti

Cocaina servita al ristorante nella ''dolce vita'' riminese: 7 arresti

Cocaina servita al ristorante nella ''dolce vita'' riminese: 7 arresti

RIMINI - "Dolce vita". E' questo il nome in codice di un'operazione della Squadra Mobile che ha sconvolto la Rimini bene. Nel mirino è finito un noto ristorante di Marina Centro, in viale Vespucci, dove, secondo l'accusa, veniva servita cocaina direttamente ai tavoli e, in alcuni casi, messe a disposizione di alcuni clienti delle giovani. Su richiesta del pm Marino Cerioni il gip Fiorella Casadei ha firmato sette ordinanze di custodia cautelare in carcere.

 

L'operazione, diretta dal dirigente Nicola Vitale, è iniziata circa un anno fa con l'arresto di due spacciatori, un napoletano di 31 anni ed un catanese di 47 anni, entrambi già noti alle forze dell'ordine. Secondo l'accusa tra i clienti dei due pusher c'era anche il direttore di sale del ristorante di viale Vespucci, C.F. di 42 anni. Le indagini hanno permesso di scoprire che il 42enne acquistava cocaina anche per diversi clienti del locale.

 

La "neve" veniva servita ai "clienti speciali" anche al tavolo e consumata nel ristorante. Per soddisfare le numerose richieste, il 42enne si rivolgeva anche ad altri pusher: si tratta di un napoletano di 45 anni, G.D.M., un romeno di 44 e due albanesi, rispettivamente di 24 e 30 anni. Gli investigatori hanno scoperto che i clienti potevano usufruire del menù speciale per 180 euro. A sedersi ai tavoli per lo più imprenditori e sportivi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il titolare del locale, che era a conoscenza di ciò che accadeva nel ristorante e cliente degli stessi spacciatori, è finito nel registro degli indagati. Al locale in futuro potrebbero essere posti i sigilli. Tutti gli arrestati si trovano al "Casetti" con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Per il direttore di sala del locale anche l'imputazione di induzione e favoreggiamento alla prostituzione. Per G.D.M. anche l'accusa di porto d'arma da fuoco.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -