Codice della strada, Asaps denuncia 'silenzio' sull'incremento delle sanzioni

Codice della strada, Asaps denuncia 'silenzio' sull'incremento delle sanzioni

Giordano Biserni, presidente di Asaps-2

Nessuna notizia sull'incremento biennale degli importi delle sanzioni previsto dall'art. 195 del codice della strada. Lo denuncia l'Asaps, L'associazione sostenitori amici polizia stradale, avente sede a Forlì e guidata dal presidente Giordano Biserni. "L'aumento che, secondo voci ufficiose, dovrebbe essere del 2,4%, se non pubblicato entro il 31 dicembre sulla Gazzetta Ufficiale  salterà e per  i primi giorni di gennaio le sanzioni saranno congelate".

 

"Come se non bastasse l'incertezza sull'applicazione di alcune norme del Codice della Strada - dice Biserni -, dopo le circa 70 modifiche introdotte dalla legge 120 del 29 luglio scorso, ora si aggiunge anche l'incertezza  sulla prevista applicazione dell'aumento biennale (art.195) degli importi di gran parte delle sanzioni del CdS.  Al 30 dicembre non si hanno notizie ufficiali".

 

"Secondo alcune fonti ufficiose l'importo dell'incremento previsto per una parte delle sanzioni al codice dovrebbe essere fissato al 2,4%, ma ancora nessun provvedimento è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale - fa notare Asaps -. A questo punto o il provvedimento sarà pubblicato in extremis  entro domani 31 dicembre o gli incrementi slitteranno. Anche se siamo sicuri che nessuno si metterà a piangere, rimane il fatto che per le forze di polizia regna una certa confusione".

 

"Arrivano decine di telefonate e mail alla sede dell'Asaps (che raccoglie alcune decine di  migliaia di associati, fra i quali molti appartenenti alla forze di polizia locale e dello stato) per chiedere informazioni e aggiornamenti - rivela Biserni -. L'associazione ha predisposto una tabella provvisoria sulla base delle indicazioni ufficiose che fanno riferimento all'incremento del 2,4%  delle violazioni per le quali è previsto l'aumento, indicando quelle di cui l'incremento non è comunque previsto. La tabella sarà pubblicata sul portale www.asaps.it".

 

"Ricordiamo tuttavia che fino alla pubblicazione del provvedimento sulla Gazzetta Ufficiale gli incrementi sono congelati - conclude Biserni -. Rimane la difficoltà per molti uffici di predisporre all'ultimo momento gli stampati con i nuovi importi per tutto il personale. Eppure la norma che prevede gli incrementi biennali vige dal 1992".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -