Cogne, Taormina abbandona la Franzoni

Cogne, Taormina abbandona la Franzoni

TORINO – Durante l'udienza odierna del processo d'appello per la morte del piccolo Samuele Lorenzi, dedicata alla discussione della perizia psichiatrica eseguita dagli esperti incaricati dalla corte sulla principale accusata, Anna Maria Franzoni, l’imputata, prima di lasciare l’aula, ha dichiarato spontaneamente: ‘’Per quanto mi riguarda un processo ad unica direzione finisce qui. Avverto un ambiente intriso di prevenzione e condanna nei miei confronti. Senza alcuna retorica, augurandomi di non essere oggetto di speculazioni successive, ma proprio parlando con il cuore, invoco Dio affinché illumini le vostre coscienze. Per quanto mi riguarda voglio continuare a guardare in faccia i miei figli perché da soli colgano l'innocenza della loro mamma, anche se malauguratamente ciò dovesse accadere dalle grate di un carcere, dove preferisco trascorrere da innocente quanto mi resta da vivere piuttosto che accettare il compromesso di una vita libera ma ossessionata dall'idea che chiunque, soprattutto i miei figli, possano ritenermi autrice di un assassinio consumato da chi, attraverso un gioco perverso, continua ad essere libero in circolazione e non perseguito dalla giustizia. È con estremo dolore sconforto e amarezza che affronto questo ulteriore passo della mia vita, non mi stancherò mai di chiedervi chi ha ucciso Samuele. Non è nella mia mente che troverete il colpevole. Non potrà mai confessare una cosa che non ho fatto’’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CARLO TAORMINA LASCIA


Carlo Taormina ha annunciato di voler rimettere il mandato così come richiesto dalla Franzoni. Al suo posto l’avvocato Paolo Savio del Foro di Torino.
Taormina si è così espresso: "Durante le indagini gli inquirenti contattarono Anna Maria Franzoni per giungere ad un accordo. La richiesta di intesa sarebbe arrivata da organi inquirenti che dissero che tutto si sarebbe chiuso, previa confessione, con una perizia che avrebbe concluso per la seminfermità. La proposta di accordo, però, venne respinta".
Taormina ha anche aggiunto che la questione non finisce qui: ‘’è una situazione che affronteremo nelle sedi competenti, le nostre ragioni dovranno essere vagliate da chi ha competenza’’.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -