Commercio e centro storico, le linee strategiche della Provincia di Rimini

Commercio e centro storico, le linee strategiche della Provincia di Rimini

Commercio e centro storico, le linee strategiche della Provincia di Rimini

RIMINI - La Giunta provinciale di Rimini ha approvato due linee d'intervento nel settore del commercio, entrambe inserite all'interno del progetto strategico triennale. Il primo intervento andrà ad adeguare i servizi e migliorare la vivibilità di aree collinari identificate dal Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp) come "contesti fragili". Il secondo intervento è destinato alla riqualificazione e alla rivitalizzazione di centri storici, di aree urbane centrali e di zone a forte vocazione commerciale

 

Saranno interessati i comuni con popolazione residente inferiore ai tremila abitanti (Casteldelci, Gemmano, Maiolo, Mondaino, Montefiore Conca, Montegridolfo, Saludecio, Sant'Agata Feltria, Talamello e Torriana) e i comuni che - pur superando i tremila abitanti - risultano essere comunque "delicati" per consistenza demografica e posizione collinare (Montecolombo, Montescudo, Novafeltria, Pennabilli, Poggio Berni, San Clemente, San Leo e Verucchio).

 

Possono presentare domanda imprese del commercio con meno di 50 dipendenti e con bilancio inferiore ai 10 milioni di euro e i Centri di assistenza tecnica (Cat) per interventi rivolti alla riqualificazione delle attività esistenti, degli spazi fisici, dei contesti di riferimento e per lo sviluppo di esercizi polifunzionali.

 

Le domande andranno presentate entro 10 settembre 2010. Le risorse regionali per la provincia di Rimini per questo intervento ammontano a 150mila euro.

 

Il secondo intervento è destinato alla riqualificazione e alla rivitalizzazione di centri storici, di aree urbane centrali e di zone a forte vocazione commerciale; quest'ultime intese come aree omogenee, per le quali soggetti pubblici e privati possono proporre migliorie per accrescerne l'attrattività e la competitività.

Le iniziative previste devono concretizzarsi in progetti (promossi da amministrazioni comunali ed imprese del commercio debitamente associate) che individuino le aree d'intervento e si coordino per il raggiungimento di obiettivi comuni.

Anche questo bando scadrà il 10 settembre 2010. Le risorse regionali previste ammontano a 150mila euro.

Per entrambi gli è stato richiesto alla Regione Emilia-Romagna di considerare per la Provincia di Rimini una percentuale economica aggiuntiva che tenga conto della recente aggregazione dei sette comuni dell'Alta Valmarecchia".

 

"La Regione Emilia-Romagna - spiega l'assessore provinciale alle Attività produttive, Jamil Sadegholvaad - sta promuovendo un processo di qualificazione, innovazione ed ammodernamento della rete degli esercizi commerciali di minori dimensioni (esercizi di vicinato) attraverso l'individuazione di strumenti specifici di intervento come, ad esempio, i progetti di valorizzazione commerciale e i programmi di intervento locali per la promozione e l'attivazione di centri commerciali naturali".

 

"La nascita di nuove forme di distribuzione commerciale - continua Sadegholvaad - ha determinato una modernizzazione del comparto che va tuttavia armonizzata in tempi celeri con la rete distributiva tradizionale, che fornisce elementi caratteristici all'ambiente urbano e fattori di primaria importanza ai fini di una migliore vivibilità. Nelle aree periferiche delle città è invece necessario qualificare e potenziare l'offerta già presente. Infine, nei centri meno popolosi, sarà fondamentale vincere la sfida del mantenimento dei nuclei integrati nelle comunità. Le due linee d'intervento approvate in giunta provinciale puntano decisamente in questa direzione".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -