Commercio estero, Sangalli (PD): "crollo che colpisce soprattutto le Pmi"

Commercio estero, Sangalli (PD): "crollo che colpisce soprattutto le Pmi"

BOLOGNA - Il senatore del Pd Giancarlo Sangalli, nominato oggi dal segretario Dario Franceschini, responsabile del Settore artigianato e commercio del Pd nell'ambito del dipartimento economico guidato da Pierluigi Bersani, sostiene che: "Il dato reso noto oggi dall'Istat sul crollo dell'export italiano era purtroppo atteso poiché dovuto al blocco dei mercati internazionali. E' però particolarmente grave perché colpisce i distretti di piccole imprese e le filiere produttive".


"In Italia attorno a poche imprese leader si muovono centinaia di  migliaia altre più piccole imprese che concorrono alla produzione per l'export nazionale. L'artigianato, in particolare, rappresenta il 12 per cento del Pil e circa il 20 per cento dell'export nazionale. Il crollo delle esportazioni mette quindi in difficoltà soprattutto le piccole aziende che hanno investito e che adesso si trovano colpite su due fronti. Da un lato la caduta dei mercati dall'altro le banche che, in questa fase di crisi, non le sostengono sul fronte del credito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


"Ma - spiega Sangalli - le piccole e piccolissime imprese rappresentano gran parte del Made in Italy quindi la situazione che si è creata rischia di colpire proprio il punto di forza del nostro sistema produttivo: le aziende dotate di più creatività, che producono interamente in Italia e hanno un rapporto radicato e profondo con la storia, la tradizione e il territorio del nostro Paese. Il Pd - continua il responsabile artigianato e commercio del Pd - torna a chiedere al governo misure di sostegno precise per questo segmento di imprese dalle grande potenzialità che potranno, finita la crisi, guidare la ripresa economica. Ma il governo deve dar loro l'ossigeno necessario per farle respirare adesso. Deve quindi garantire loro il credito, abbassare la pressione fiscale e incentivare la costituzione di reti e l'aumento dimensionale delle imprese".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -