Comuni montani, la Regione chiede al Governo di rivedere i tagli alle risorse

Comuni montani, la Regione chiede al Governo di rivedere i tagli alle risorse

Comuni montani, la Regione chiede al Governo di rivedere i tagli alle risorse

Enti locali, la Regione chiede al Governo di rivedere posizione su risorse e tagli ai Comuni montani. Sollecitati i finanziamenti straordinari per la Provincia di Rimini e per i sette Comuni della Valmarecchia passati dalle Marche all'Emilia-Romagna. "Ho provveduto a consegnare alle Commissioni l'ordine del giorno asulle problematiche relative alla situazione della finanza delle comunità montane" ha dichiarato l'assessore regionale Gian Carlo Muzzarelli.

 

L'assessore è intervenuto mercoledì in rappresentanza della Conferenza delle Regioni, all'audizione in commissione affari Costituzionali e bilancio della Camera dei deputati per l'esame del decreto legge su "Interventi urgenti concernenti Enti Locali e Regioni".


"Abbiamo chiesto di eliminare i tagli indiscriminati e il criterio di "montanità" legato esclusivamente all'altimetria prendendo atto delle differenze tra Alpi ed Appennini  - ha spiegato Muzzarelli - per procedere ad un vero confronto di merito. Gli stessi Ministri Frattini e Tremonti, venuti a Sestola alcuni giorni fa, hanno riconosciuto che è errato avere tolto dai comuni montani quella stazione sciistica e tanti altri Comuni evidentemente montani, tra i quali Porretta, Bagno di Romagna, Novafeltria. E' importante un supplemento d'istruttoria e di responsabilità per costruire azioni condivise nell'interesse del buon funzionamento del governo del territorio, così da assicurare una pubblica amministrazione moderna ed efficace, al servizio dei cittadini e delle nostre comunità. I nostri territori hanno grande fascino e bellezza, ma sono anche difficili da abitare. Bisogna tener conto del lavoro legislativo fatto da diverse Regioni che hanno già riorganizzato riducendo gli enti, rendendoli più moderni ed uniti valorizzando il ruolo dei sindaci "volontari per passione" e assicurando l'efficace utilizzo delle risorse per i cittadini".


Nell'audizione è stato affrontato anche il tema di risposte alle esigenze dei sette Comuni della Valmarecchia e quelle della Provincia di Rimini in merito allo stanziamento di risorse nazionali dedicate al passaggio, il cambio del patto di stabilità per la Provincia di Rimini, la rideterminazione dei trasferimenti dello Stato. "Occorre una decisione - ha concluso Muzzarelli - urgente per consentire la completa operatività alla luce anche del buon esito delle relazioni tra le Regioni Emilia Romagna e Marche che ha portato in questi giorni all'intesa raggiunta fondamentale per consentire "il completo passaggio dolce" delle comunità della Valmarecchia in Emilia-Romagna". 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -