Con le staminali una nuova speranza contro l'Aids

Con le staminali una nuova speranza contro l'Aids

Con le staminali una nuova speranza contro l'Aids

Fare in modo che il sistema immunitario diventi resistente al virus Hiv. E' questa la sfida, in parte vinta da un gruppo di ricercatori americani guidati da Paula Cannon, dell'università della California del Sud. Cellule staminali in grado di modificare il genoma affinchè non produca una molecola denominata CCR5. Quella alla quale si 'aggancia' nell'uomo il virus dell'Aids. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology.

 

L'imput è stato lanciato dalla scoperta che negli individui che, per una mutazione genetica, non sono dotati di questa proteina, si sono dimostrati resistenti ai principali tipi di Hiv. E' partita la sperimentazione sulle cavie da laboratorio: cellule staminali modificate sono state introdotte nei topi per impedire la comparsa della proteina 'incriminata'. Una volta infettati con il virus Hiv, dopo 12 settimane il loro sistema immunitario ha reagito.

 

Per la sperimentazione sull'uomo si attende. Il 18 luglio si terrà a Vienna la Conferenza mondiale sull'AIds.

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -