Confessa il killer di Rodolfo Moretti, è il cognato

Confessa il killer di Rodolfo Moretti, è il cognato

Confessa il killer di Rodolfo Moretti, è il cognato

REGGIO EMILIA - Ha confessato il killer di Rodolfo Moretti, l'operaio di Luzzara (Reggio Emilia) trovato senza vita mercoledì sera nel cortile dell'azienda agricola in cui lavorava a Tagliata di Luzzara. Si tratta di Matteo Zanetti, 43 anni di Gazoldo degli Ippoliti (Mantova), cognato della vittima. Moretti, ucciso con due colpi d'arma da fuoco, nel 2010 fu vittima di un tentativo di omicidio organizzato, secondo le accuse, dalla figlia Ylenia con il benestare ella madre.

 

Il reo confesso è il marito di una delle sorelle della vittima, e abita con Ylenia, la figlia di Moretti, imputata di tentato omicidio nei confronti del padre. Dietro all'omicidio ci sarebbero motivi familiari, probabilmente legati a questioni di soldi. Il cadavere di Moretti è stato trovato in un viottolo di campagna a poco distanza dalla porcilaia in cui lavorava. A dare l'allarme alle forze dell'ordine e al 118 è stata una donna che abita nelle vicinanze.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo i primi riscontri, nessuno ha sentito i colpi in quella zona isolata. L'assassino ha potuto dileguarsi indisturbato. Da una prima ricostruzione dei fatti, Moretti è stato colpito una prima volta all'interno delle sua auto. Nonostante fosse ferito, Moretti sarebbe poi riuscito ad uscire dall'auto e a percorrere tre-quattro metri prima che il killer lo colpisse una seconda volta alla schiena.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -