Conselice, violenze all'asilo: incontro tra genitori e Amministrazione comunale

Conselice, violenze all'asilo: incontro tra genitori e Amministrazione comunale

L'esterno dell'asilo nido "Mazzanti"

CONSELICE - Timori e paure per i genitori dell'asilo "Mazzanti" di Conselice in cui sono state arrestate due maestre perché accusate di violenze (non di natura sessuale) nei confronti dei piccoli che frequentavano la strutture. Si tratta di due donne non dipendenti del Comune ma di una cooperativa esterna, la ZeroCento. Proprio domenica pomeriggio si è svolto un incontro tra i genitori dei ragazzi e i raprpesentanti del Comune. Un incontro rigorasamente e giustamente a porte chiuse per fare il punto della situazione.

 

Le due donne, dai 41 e 48 anni, sono ora detenute nel carcere di Forlì. L'arresto è stato compiuto venerdì e gli inquirenti hanno nello stesso tempo sequestrato materiale utile alle indagini. L'inchiesta è scatta in novembre, dopo che nelle settimane precedenti diverse segnalazioni erano giunte alla struttura.

 

La cooperativa si è subito attivata, informando delle segnalazioni anche il Comune. Il sindaco Maurizio Filippucci, dopo una serie di verifiche, decise di avviare una indagine interna per capirne di più. Al termine dell'indagine è scattato l'esposto in procura che ha fatto partire le indagini. Da qui si è poi arrivati all'arresto di venerdì sera.

 

''All'inizio - ha detto il sindaco all'agenzia Ansa - pensavamo che tutto potesse essere ricondotto a screzi tra dipendenti che non andavano d'accordo. Poi pero' dalle prime verifiche ci siamo accorti che forse qualcosa c'era stato''. 

 

In settimana è previsto l'interrogatorio di garanzie alle due educatrici finite nella bufera. Nel frattempo, però, la preoccupazione principale dei genitori è quella di chiarire il tipo di violenze e il grado di coinvolgimento dei bambini che frequentano l'asilo "Mazzanti". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -