Conselice, volley B1 girone B: la Foris Index affonda Sant'Antioco

Conselice, volley B1 girone B: la Foris Index affonda Sant'Antioco

CONSELICE - Al palazzo non si passa. La Foris Index torna al vecchio amore, ovvero il "suo" piccolo e caldo palazzetto dello sport, e vince per 3-0 una partita equilibratissima, risultato forse ingeneroso nei confronti degli avversari del Sant'Antioco. Bravi però i romagnoli a tenere duro nei momenti difficili, annullando una valanga di set-point agli ospiti nel 2° set e rintuzzando, nel 3°, la loro pericolosa rimonta.

 

Logica la soddisfazione allora di Federico Rizzi, il giovane schiacciatore protagonista nel successo conselicese: "Faccio fatica a trovare i termini giusti per definire questa partita e la nostra prestazione - esordisce Rizzi -, perché è stata una vera battaglia. Mi sembra di essere rimasto in campo in eterno ed effettivamente a livello di energie fisiche e mentali abbiamo speso tantissimo. La chiave? Semplice, abbiamo sbagliato meno di loro, tutto qui. Rispetto all'esordio di Correggio i fondamentali hanno funzionato meglio e, quando si è deciso il match, non abbiamo commesso errori. Certo, abbiamo trovato una squadra più alla nostra portata, ma prendersi i 3 punti era davvero arduo".

 

Proprio Rizzi ha chiuso il 2° e 3° set, dimostrando di avere trovato ormai una propria collocazione importante all'interno del progetto tecnico di coach Valli: "Sono contento di questo, in particolare della fiducia che mi hanno concesso l'allenatore e la società. Spero di ripagarla sempre meglio e di meritarla anche in futuro. Abbiamo confermato 10/12 della squadra dello scorso anno, il che rappresenta un vantaggio importante ed allora dobbiamo trovare un po' di continuità. Senza dimenticare il valore di chi affrontiamo, perché la B1 fa paura a livello di qualità tecnica e fisica. In giro vedo solo delle belle squadre, ad iniziare dall'Olbia".

Domenica prossima, infatti, trasferta lampo per la Foris Index, che partirà alla mattina per Olbia e alle 15.30 scenderà in campo: "Speriamo di non arrivare troppo rintronati. Scherzi a parte il fattore stanchezza giocherà un ruolo fondamentale e poi loro hanno un ottimo il gruppo, con il cubano olimpionico Batte a fare l'opposto. Ok, ha 39 anni, ma la palla la mette sempre a terra. Andiamo per fare il massimo, poi si vedrà".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -