Consorzio Bonifica Romagna Occidentale, elezioni rinnovo Cda. Si vota a Imola

Consorzio Bonifica Romagna Occidentale, elezioni rinnovo Cda. Si vota a Imola

Sarà possibile votare a Imola domani, martedì 14 dicembre, per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione del Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale. Il seggio sarà allestito presso l'ufficio del Consorzio, in via Boccaccio 27, dove si potrà votare dalle 9 alle 18. Le elezioni stanno coinvolgendo 114.000 consorziati in un territorio che comprende 35 comuni e cinque province.

Le elezioni, in programma fino a domenica 19 dicembre, seguiranno il seguente calendario: mercoledì 15 dicembre Brisighella (Municipio, via Naldi 2), giovedì 16 Sant'Alberto (Sede della Circoscrizione, via Cavedone 37), venerdì 17 Massa Lombarda (Sala Facchini, via Saffi 4), sabato 18 Bagnacavallo (Centro culturale Le Cappuccine, via Vittorio Veneto 1/a), domenica 19 Lugo (sede del Consorzio, piazza Savonarola 5).

 

Trattandosi di un unico seggio itinerante aperto per 14 giorni consecutivi, gli elettori potranno scegliere la sede in cui votare in base alle proprie necessità. Il seggio sarà aperto ogni giorno dalle 9 alle 18. Possono votare i consorziati proprietari di immobili (fabbricati e terreni) ubicati nel comprensorio dell'ente, purché maggiorenni e in regola con il pagamento dei contributi consortili. Secondo le disposizioni della legge regionale, l'elettorato è suddiviso in quattro sezioni, a ciascuna delle quali corrisponde una determinata fascia di contribuenza.

L'elettore deve presentarsi al seggio munito semplicemente di un documento d'identità. È ammesso soltanto il voto di lista, senza espressione di preferenze.

 

Attraverso le votazioni, saranno eletti 21 componenti del Consiglio di Amministrazione, di cui almeno uno in rappresentanza dei territori ricadenti nella regione Toscana. Possono essere eletti altri tre componenti tramite assegnazione del premio di maggioranza, nel caso ricorrano le condizioni previste dalla legge. Saranno inoltre membri di diritto tre sindaci o assessori delegati in rappresentanza dei Comuni del comprensorio, di cui almeno uno dei comuni montani. Il procedimento di nomina dei rappresentanti dei Comuni è avviato dalla Regione Emilia-Romagna.

Il nuovo Consiglio - che resterà in carica cinque anni, fino al 2015 - eleggerà nella sua prima riunione il presidente e il Comitato Amministrativo dell'ente.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -