Continua a nevicare in quota, problemi sull'E45

Continua a nevicare in quota, problemi sull'E45

Continua a nevicare sull’Appennino romagnolo. I fiocchi bianchi hanno proseguito a cadere con insistenza anche lunedì lungo il passo del Verghereto, sul Muraglione ed in Campigna. Una fitta nevicata ha provocato forti rallentamenti in entrambe le carreggiate sull’E45 tra Sarsina e Pieve Santo Stefano, con alcuni mezzi pesanti di traverso. La tendenza è per un miglioramento delle condizioni meteorologiche. Da venerdì piste aperte per gli amanti degli sport invernali.


Secondo i modelli meteorologici GFS l’ondata di gelo siberiano che ha colpito con maggior effetti il Centro-Sud Italia ha le ore contante. Da martedì il campo di alta pressione, ora presente tra la Norvegia e le isole britanniche settentrionali, si sposterà gradualmente verso l’arco alpino, determinando condizioni di stabilità ad iniziare dalle regioni settentrionali. Saranno possibili ancora delle precipitazioni a carattere nevoso in collina e sui rilievi, ma la tendenza è per un’attenuazione dei fenomeni.


Nel fine settimana appena trascorso la perturbazione polare ha dato luogo ad abbondanti nevicate sul settore pede-collinare romagnolo e a tratti sin lungo la costa. Sono oltre 110 i centimetri di neve caduti in Valconca oltre i 1200 metri, da 45 a 50 dai 500 ai 900 metri e circa 10 – 15 centimetri nelle zone di collina. Il manto bianco ha raggiunto 20 centimetri a San Piero in Bagno, 40 sul Verghereto. Varia da un minimo di 70 ad un massimo di 100 centimetri la coltre che ha imbiancato la Campigna. Una vera e propria manna per gli amanti degli sport invernali e per gli operatori turistici che da venerdì apriranno gli impianti. Precipitazioni benedette anche per fronteggiare il problema della siccità. Il volume del bacino di Ridracoli alle ore 7 di lunedì era di ben 12.499.637 metri cubi, mentre la quota dell’invaso è salita a 530,75 metri.


Bassissime le temperature registrate: -5°C a 1000 metri, addirittura -9°C a quota 1500. Sul settore pianeggiante le minime non sono andate oltre lo zero, mentre le massime si mantenute di poco inferiore ai 6°C.


Se in pianura la neve non ha influito sulla circolazione, grazie anche alla scarsa consistenza delle precipitazioni, in quota il traffico ha risentito della persistenza dei fenomeni, soprattutto sull’E45. Gli agenti della Polizia Stradale di Bagno di Romagna sono stati costretti a chiudere per diverse ore il tratto compreso tra Verghereto e Canili, con traffico congestionato sulla Provinciale 137. Mezzi spargisale e spazzaneve hanno lavorato senza sosta per impedire la formazione di ghiaccio sulla sede stradale. Su tutti i valichi si raccomandano catene a bordo.


Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -