Corniolo, Bulbi a Calderoli: "La Braccina è stata realizzata grazie a Romagna Acque"

Corniolo, Bulbi a Calderoli: "La Braccina è stata realizzata grazie a Romagna Acque"

"Apprendiamo con piacere che il Ministro Calderoli porterà all'attenzione del Governo la drammatica situazione della frana nella frazione di Corniolo. Attendiamo perciò che, davvero, possa giungere da Roma il necessario sostegno economico per mettere gli enti locali nella condizione di poter far fronte a questa grave situazione". Lo dichiara il presidente della Provincia di Forlì-Cesena, Massimo Bulbi, dopo le dichiarazioni rilasciate del deputato della Lega Nord, Gianluca Pini.

 

Bulbi chiede aiuto anche per "gli altri episodi di dissesto che si sono verificati in questi mesi, nonché alla situazione di assoluta gravità in cui versa la S.P. 'Tiberina' in conseguenza del traffico sopportato per le chiusure della E45. Desideriamo però replicare all'on.Pini che, non corrisponde al vero ascrivere all'opera del Governo la messa in sicurezza della Strada della Braccina".

 

"L'opera - spiega il presidente della Provincia - è stata realizzata grazie al contributo economico, di oltre un milione di Euro, di Romagna Acque-Società delle Fonti S.p.A. ed alla progettazione degli  Uffici dell'Assessorato Agricoltura della Provincia di Forlì-Cesena che curano la gestione del Demanio forestale regionale (Ufficio Ambiente Rurale e Forestazione di Forlì e Unità Operativa di S.Sofia)".

 

"Tale realizzazione si sta rivelando, fra l'altro, lo strumento strategico per evitare l'isolamento di Corniolo e Campigna a seguito della frana sulla Bidentina - prosegue Bulbi -. Si ricorda che la Braccina,  collega Corniolo (S.Sofia) con Fiumicello (Premilcuore) e, soprattutto, l'alta valle del Bidente con quella del Rabbi, attraversando una delle zone più belle del versante romagnolo del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e che l'intervento realizzato non ha, per dimensione e tipologia, eguali a livello nazionale. Infatti, il particolare trattamento "ecologico" superficiale, mediante pietrisco e emulsione trasparente, oltre ad avere una importante mitigazione paesaggistica, costituisce un'assoluta novità anche dal punto di vista puramente tecnico".

 

"L'intervento ha riguardato sostanzialmente la riqualificazione della piattaforma stradale - aggiunge Bulbi -, attraverso la combinazione di tecniche tradizionali e tecniche di più recente introduzione, che hanno consentito un risultato molto apprezzabile dal punto di vista della percorribilità ma, al tempo stesso, in perfetta sintonia con gli scenari paesaggistici attraversati dalla strada e del tutto compatibile con gli "habitat" naturali e le specie animali presenti. La sistemazione della strada consente inoltre la definitiva consacrazione della stessa quale importante asse "turistico - panoramico" del versante romagnolo del Parco Nazionale, creando anche i presupposti per una riqualificazione complessiva della vasta area compresa fra le frazioni di Corniolo e Fiumicello. Il progetto rappresenta un primo passo del piano di riorganizzazione dei 350 chilometri di strade rurale ad uso pubblico presenti nel territorio montano provinciale"

 

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di FabioMichelacci
    FabioMichelacci

    Gentilissimo Sauro Turroni non conosco nella vallata del Bidente STRADE DEVASTANTI.!? Piuttosto in merito alla Braccina vogliamo dire quanto si è SPESO in PIU GRAZIE AGLI AMICI del WWF e alla loro rigorosa battaglia..?? Magari avanzavano anche i soldi per metterla in sicurezza e creare così un valido e duraturo collegamento con il comune di Premilcuore. Chiedo quindi a questi attenti e prodigiosi paladini della Natura di volgere lo sguardo anche alle politiche sociali di questi piccoli centri abitati montani. Io sono contro alla creazione di un "deserto verde".

  • Avatar anonimo di sauroturroni
    sauroturroni

    tutto vero quello che dice Bulbi. ci sono due precisazioni da fare però : 1- con l'abbassamento del prezzo dell'acqua fatto ad Hera la società delle fonti col cavolo che farebbe oggi la braccina. 2 - se la strada è meno devastante di quelle realizzate dalla provincia il merito, tocca dirlo, è degli amici del WWF, che con la loro rigorosa battaglia hanno costretto la riluttante provincia a fare del suo meglio.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -