Corte dei conti contro gli enti locali: "Spendono troppo e male"

Corte dei conti contro gli enti locali: "Spendono troppo e male"

Corte dei conti contro gli enti locali: "Spendono troppo e male"

Nuovo attacco della Corte dei conti dell'Emilia-Romagna nei confronti delle amministrazioni pubbliche regionali. La magistratura contabile punta il dito contro consulenze esterne illegittime, appalti per opere pubbliche non conformi alla legge, migliaia di euro buttati nella rilevazione delle multe (quasi la meta' di quanto entra se ne va per pagare le societa' private accertatrici), affitti non riscossi o riscossi meno del dovuto. Insomma, si spende troppo e male.

 

Se determinati comportamenti sono "produttori di danno", per dirlo con le parole del procuratore della Corte dei Conti dell'Emilia-Romagna, Ignazio Del Castillo, e come tali saranno perseguiti una volta arrivati davanti ai giudici contabili, quello che preoccupa Del Castillo e' una generale incuria da parte delle amministrazioni.

 

Nella sua relazione scrive: "Si e' rilevata una scarsa cura delle amministrazioni ed in particolare degli enti locali nella realizzazione e nel controllo delle proprie entrate". Senza contare che le denunce di irregolarita' e danni erariali, da parte di chi "avrebbe l'obbligo di segnalare", sono pochissime. La Corte dei Conti non stara' a guardare. Per quanto e' possibile, dato il personale (e le risorse) ridotte che ha a disposizione. "I procuratori contabili sono quattro per tutta la Regione, me compreso- dice Del Castillo- gli amministrativi sono nove".

 

Ci sono poi "numerose indagini", avverte Del Castillo, che riguardano "incarichi e consulenze illegittimi". Per l'esattezza sono 74 le istruttorie pendenti alla Procura della Corte dei Conti dell'Emilia-Romagna, 22 delle quali sono frutto di "segnalazioni pervenute lo scorso anno". Si segnalano anche casi di irregolarita' "interne", spiega il procuratore, che riguardano dipendenti comunali "ancora in servizio" (ma ce n'e' anche uno che si era dimesso dubito prima) a cui vengono affidati illegittimamente incarichi di consulenti.

 

"Si sta indagando - aggiujge Del Castillo - su alcune illecite erogazioni di compensi al personale relativamente al trattamento accessorio (missioni, compenso per lavoro straordinario, premi produttivita') e su alcuni casi di assenteismo del personale".

 

Atri ‘dosseri' riguardano societa' partecipate dagli enti locali e loro ricapitalizzazioni, mentre altri ancora osservano "danni in materia di concessione e gestione di opere pubbliche e di procedure di appalto di lavori pubblici". In campo sanitario, i fari dei magistrati contabili sono puntati sull'"incompatibilita' dei medici del Servizio sanitario nazionale utilizzati nell'ambito di rapporti con case di cura convenzionate".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -