Cotignola, è tutto pronto per l�arena delle balle di paglia

Cotignola, è tutto pronto per l’arena delle balle di paglia

Cotignola, è tutto pronto per l�arena delle balle di paglia

COTIGNOLA - Sabato scorso sono state raccolte le balle di paglia: quaranta volontari si sono ritrovati all'alba in un campo e, accompagnati da un concerto dei Radadum, hanno caricato oltre 750 balle, i mattoni dell'arena di Cotignola. E' quasi tutto pronto quindi per la prima serata, quella di giovedì, che vedrà protagonisti alle 20.45 i musicisti della "Spartiti per Scutari Orkestra", formata da venti elementi: le musiche tradizionali albanesi e slave coinvolgeranno il pubblico.

 

Ci sarà una camminata lungo la carraia che porta all'arena. A questo concerto parteciperà anche una gigantesca rotopressa, che "partorirà" una balla per il pubblico. Alle 22 inizierà invece il concerto dei Gattamolesta, in un mix di musica folk ed elettrica. Secondo appuntamento venerdì con "Il cerchio delle donne sotto la Luna Piena", a cura di Barbara Zanoni, con ritrovo nella golena del fiume alle 18.30: i partecipanti dovranno seguire le indicazioni, portare qualcosa da mangiare o da bere da condividere, una candela, una coperta e un bicchiere di vetro (appuntamento solo su prenotazione dall'11 luglio al 338.1537399).

 

Alle 21.30 si terrà invece il concerto della violinista di origine ceca Iva Bittovà, organizzato in collaborazione con l'Emilia Romagna Festival. Iva Bittovà, violinista e vocalist profondamente radicata nella tradizione gitana dei suoi luoghi natii. A Cotignola troverà il suo paesaggio ideale per esprimersi al meglio.

 

Protagonista di sabato sarà invece l'Orchestra Immaginaria, che sarà accompagnata da un trattore Landini a testa calda: dalle 22.30 suonerà "O'Land'o", concerto diretto dal musicista e compositore Giorgio Casadei, tra improvvisazioni blues, rock e jazz. Un vero e proprio dialogo tra strumenti del lavoro e attrezzi della musica. La serata sarà aperta da "Acquaria" di Gek Tessaro, artista affabulatore che disegna storie e musiche in una lavagna luminosa.

 

Domenica sarà la volta di "Paesaggi", una passeggiata tra il visibile e l'invisibile lungo le acque del Senio, di e con Lorenza Zambon, attrice giardiniera che coltiva da anni il teatro della natura e del paesaggio, con uno spettacolo che cambia a ogni realizzazione, insieme al posto che lo circonda. Con musiche a cura di Gianpiero Malfatto, lo spettacolo si terrà a partire dalle 20 (prenotazione obbligatoria al 333.4183149. I posti disponibili sono 70).

Alle 21.30 ci sarà invece il concerto dell'Orchestra di Porta Palazzo, realtà multietnica torinese.

 

Ultimo giorno lunedì, con la riproposizione di "Paesaggi", sempre alle 20, sempre riservato  a settanta partecipanti.

Alle 21.30 le porte dell'arena si apriranno invece a "Melusine" di Barbara Zanoni, una performance di danza e canto ispirata alla fiaba-racconto medioevale "L'histoire de Melusine". Alle 22 "L'artefice" degli Ortographe, una riflessione fotografica sulla realtà e il suo doppio: le immagini saranno proiettate direttamente sull'acaciera che sovrasta l'anfiteatro.

 

L'Arena delle balle è un'invenzione di Primola ed è possibile grazie anche al contributo e al sostegno del Comune di Cotignola, della Banca di Romagna e dell'azienda Montini. L'anfiteatro di Primola è fatto esclusivamente di balle di paglia. Lo scenario naturale è quello di un'ampia golena del fiume, dominata da una maestosa e ordinata acaciera che fa da sfondo al palcoscenico, illuminato dalla Luna piena.

 

Il programma è stato pensato per chi ama l'arte in ogni sua forma, la natura e i tempi che lasciano respirare la mente, al di fuori della frenesia quotidiana. Tutti gli appuntamenti dell'Arena sono a offerta libera, eccetto il concerto di Iva Bittovà che ha un costo di ingresso di 10 euro (gratis per i bambini fino a 10 anni). All'Arena ci sarà da bere e da mangiare per tutti. Il programma completo è disponibile sul sito www.primolacotignola.it.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -