Cotignola: presentato l'ultimo bilancio dell'Amministrazione comunale

Cotignola: presentato l'ultimo bilancio dell'Amministrazione comunale

COTIGNOLA - Ieri, lunedì 15 dicembre, presso la Sala Consigliare del Comune di Cotignola, è stato presentato il bilancio di previsione per l'anno 2009 dal Sindaco Antonio Pezzi e dalla Giunta Comunale.

 

"La proposta di bilancio di previsione per l'anno 2009 che andiamo a presentare sarà l'impegno finale di questa amministrazione, eletta nel corso del 2004 - spiega l'Assessore al Bilancio Ivo Pasquali -. Salvo mutamenti ancora possibili, nei primi giorni di giugno 2009 con le elezioni amministrative i cotignolesi saranno chiamati ad eleggere i nuovi amministratori , si tratterà quindi di una gestione parziale del bilancio proposto. La proposta che presentiamo risente certamente di tutte le influenze espresse dalle leggi recentemente approvate o in corso di approvazione e dalla situazione economica generale che investe, con il suo vento di crisi, tutto il paese. Il bilancio 2009 è anche l'occasione per certificare in modo definitivo l'affossamento di ogni progetto di federalismo, di autonomia e di responsabilità finanziaria. Non può essere diversamente considerato il provvedimento relativo all'abolizione dell'ICI prima casa che non ha fatto distinzioni fra le condizioni sociale dei contribuenti - continua l'Assessore -, ma soprattutto ha innescato un meccanismo che penalizza notevolmente i Comuni. Infatti l'ICI prima casa non incassata dovrebbe essere trasferita dallo Stato ai Comuni con modalità che oggi dimostrano ancora tutta la loro incertezza. Quanto però verrà trasferito non sarà corrispondente all'ICI non incassata ma terrà conto di un abbattimento in base ad  alcuni parametri nazionali. Se a questo elemento aggiungiamo un aumento dell'ICI prima casa fisiologico nell'ordine di un 3-4% annuo ne deriva che ai Comuni verrà trasferito un importo inferiore di oltre il 10%. La politica dei tagli si arricchisce inoltre di altri numerosi interventi. Ci troviamo quindi con una legge finanziaria lontana dalle condizioni economiche reali del paese, in presenza di interventi parziali come quelli varati in questi giorni e con decreti in via di approvazione che rilevano notevole importanza per le procedure inerenti i bilanci di previsione".

 

"Poiché il bilancio si scontra con forti tagli alle risorse ed essendo impraticabile un aumento della fiscalità locale, la manovra di intervento che abbiamo formulato mira con maggiore vigore ad una selettività della spesa sacrificando o limitando forme di intervento in particolare sul fronte degli investimenti - sottolinea l'Assessore Ivo Pasquali -. Nonostante le difficoltà incontrate in questi anni possiamo affermare che con il  bilancio di previsione 2009 si compie un ulteriore passo verso gli obiettivi presenti nel programma di mandato. La proposta di bilancio dimostra come per il 2009 vi sarà un forte intervento nei settori sociale e culturale per una spesa complessiva di 1.954.189,00 euro, con interventi a largo raggio che coinvolgeranno gli anziani, i giovani e gli immigrati. L'entrata a regime di un modello di intervento sociale attraverso l'Unione dei Comuni e la recente attivazione delle ASP potranno comportare un ulteriore qualificazione dei livelli fin qui raggiunti. Vengono confermati inoltre gli interventi a sostegno della scuola riaffermando la volontà di sviluppare e consolidare rapporti collaborativi ancora più avanzati. Attenzione è inoltre riservata alle manifestazioni culturali che, come per il 2008, dimostreranno opportunità di visibilità per il nostro Comune".

 

"Nel bilancio non vengono previsti interventi sulla fiscalità locale, niente tasse aggiuntive, confermando inoltre tutte le agevolazioni in essere - continua Pasquali -. Grande importanza assumono i servizi a domanda individuale che continueranno ad essere tarati in ragione dei bisogni espressi dal territorio. Si prevede un intervento sulle tariffe, non superiore al tasso di inflazione programmato. Si conferma l'uso sempre più puntuale e decisivo dello strumento ISEE quale condizione per determinare la partecipazione alla spesa dei fruitori del servizio e come grande opportunità di giustizia sociale. Vengono inoltre confermate tutte le azioni di controllo per evitare situazioni di abuso".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un aspetto che merita un'ulteriore considerazione è quello degli investimenti. A fronte delle mancate entrate, ai tagli dei trasferimenti, perseguendo l'obiettivo di non aumentare le tasse, ci siamo trovati costretti ad intervenire sugli oneri di urbanizzazione, destinando 200.000,00 euro alla parte corrente. L'uso di un importo così rilevante di oneri di urbanizzazione si è reso necessario per non dover sacrificare né i servizi alla popolazione né il sostegno ad altri aspetti di grande importanza. Gli interventi sul piano degli investimenti saranno molto selettivi e saranno possibili perché si determinerà per il 2009 un pacchetto di risorse in modo del tutto straordinario ed irripetibile".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -