Crisi, cala l'export in Emilia-Romagna: 'tengono' i distretti

Crisi, cala l'export in Emilia-Romagna: 'tengono' i distretti

Crisi, cala l'export in Emilia-Romagna: 'tengono' i distretti

Dato negativo per l'economia in Emilia-Romagna: è quello relativo alla frenata delle esportazioni, che nel terzo trimestre del 2008 registrato una battuta d'arresto (-1%), che è comunque piu' contenuta rispetto al resto d'Italia (-2,4% da luglio a settembre). A ‘tenere' sono solo i distretti industriali, anche se le previsioni per il futuro non sono certo positive. E' quanto emerge dai dati elaborati dal monitor dei distretti della regione di Carisbo.

 

Non è un quadro a sole tinte fosche: sei dei 14 distretti dell'Emilia-Romagna monitorati dall'istituto di credito aumentano le proprie esportazioni, pur evidenziano un rallentamento della crescita. Si tratta di tre distretti della meccanica: macchine per imballaggio di Bologna (+3,7%), macchine per il legno di Rimini (+6,7%) e macchine agricole di Reggio Emilia e Modena (+20,2%).

 

A questi si aggiungo tre distretti del sistema moda: calzature di Fusignano-Bagnacavallo (+10,2%), calzature di San Mauro Pascoli (+25%) e abbigliamento di Rimini(+7,7%). Tra chi, invece, perde posizioni sui mercati internazionali spicca il brusco peggioramento dell'evoluzione del distretto delle piastrelle di Sassuolo (-8,1%), che ha pesantemente condizionato il risultato complessivo della regione.

 

Tra i distretti 'in rosso' anche l'alimentare di Parma (-12,1%), il biomedicale di Mirandola (-11,1%) e la Food Machinery di Parma (-10,4%). In generale, c'e' stata una diminuzione delle esportazioni in tutte le principali mete commerciali dei distretti dell'Emilia-Romagna. Negli Stati Uniti il calo si e' accentuato (-23,6% nel terzo trimestre). In Francia (-2,2%), Germania (-4,3%) e Spagna (-16,8%), invece, si e' verificato una repentina inversione di tendenza, che ha portato l'export dei distretti dell'Emilia-Romagna in territorio negativo.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il peggioramento non ha risparmiato il mercato russo (solo +12,3% a fronte di una crescita complessiva nel 2007 del 24,7%), dove si e' verificato un significativo rallentamento delle vendite estere. L'evoluzione delle esportazioni dei distretti della regione si e' mantenuta brillante in alcuni mercati emergenti, come, ad esempio, i paesi dell'Est Europa (Polonia, Ucraina, Romania, Repubblica ceca, Slovenia), del Medio oriente (Emirati Arabi Uniti), del Nord Africa (Egitto), dell'Asia (India), con incrementi anche del 58,9% (Slovenia).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -