Crisi edilizia, Cassa e scuola edile puntano sulla qualità

Crisi edilizia, Cassa e scuola edile puntano sulla qualità

Crisi edilizia, Cassa e scuola edile puntano sulla qualità

Continua la crisi del settore dell'edilizia ma i due enti provinciali, Cassa Edile e Scuola Edile, tracciano il bilancio dell'ultimo anno con dati confortanti in tema di qualità, formazione e prevenzione infortuni sul lavoro.

Sono questi due enti fondamentali nel sistema provinciale dell'edilizia di cui fa parte anche ANCE Confindustria Forlì-Cesena in concerto con le organizzazioni sindacali quali FILCA-CISL, FILLEA-CIGL, FENEAL-UIL: un sistema ben integrato con la Scuola Edile di Panighina di Bertinoro, punto di riferimento per la formazione e l'aggiornamento del personale, e la Cassa Edile, organo preposto all'organizzazione e alla gestione contributiva.

 

E.P.C. - Cassa Edile Forlì-Cesena ha chiuso nei giorni scorsi il bilancio annuale con alcuni fattori di ostacolo, tra cui la grave crisi che continua a colpire il settore delle costruzioni e la costante diminuzione della massa salari con conseguente riduzione dei versamenti contributivi delle imprese.

 

Ancora una volta però è emersa la positività dell'ente provinciale, l'unico a livello locale con bilancio seguito e certificato dalla società di revisione Baker Tilly Consulaudit S.p.a.: nonostante quanto sopra esposto l'ente guarda avanti con decisione e punta a mantenere inalterati i servizi, anzi migliorando i livelli attuali. Alcune delle attività sulle quali l'ente continua ad esigere standard elevati sono sicuramente l'affermazione del proprio ruolo nel recupero dei crediti per le imprese inadempienti (dato ancora rilevante) e nel contempo continuare ad esercitare un controllo quotidiano e meticoloso nel rilascio del D.U.R.C. anche alla luce dell'applicazione delle norme contrattuali sia a regime che in via sperimentale.

 

"Credo che il nostro compito non si limiti ad una gestione contributiva, anche e soprattutto in questi periodi di difficoltà per il settore e quindi per le nostre aziende ed i nostri dipendenti dobbiamo sempre di più puntare sulla qualità e sulla sicurezza - afferma il Presidente Cassa Edile Forlì-Cesena, Fabio Toni - un'educazione precisa e puntuale che non deve indirizzarsi solo agli operatori del settore ma che deve sensibilizzare anche la gente comune, i ragazzi che magari tra qualche anno incroceranno il nostro settore come lavoratori, imprenditori o fruitori. Formazione, etica aziendale, professionalità sono solo alcune delle prerogative del nostro impegno. Un sistema ed un impegno che abbiamo quotidianamente anche nella tutela e nell'attenzione di un patrimonio per le nostre imprese quale la forza lavoro, le relative famiglie e l'indotto di personale qualificato".

 

Proprio l'aspetto formativo è poi il fulcro della Scuola Edile Forlì-Cesena. Nell'anno formativo 2009/2010 la Scuola Edile di Forlì-Cesena ha organizzato e gestito n. 132 corsi con un totale di 1.254 allievi. Le attività formative si sono diversificate tra corsi in obbligo formativo, corsi per cassa integrati, formazione continua fondi interprofessionali, formazione professionale e di sicurezza per i lavoratori e corsi per tecnici e professionisti.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tra le diverse tipologie di corsi - annuncia il Presidente Scuola Edile Forlì-Cesena, Lamberto Laghi - si prevede di attivare il percorso formativo rivolto ai giovani in obbligo formativo per il biennio 2011-2012 e 2012-2013, con titolarità diretta dei finanziamenti della Scuola Edile, a seguito di delibera della Provincia di Forlì-Cesena che ha selezionato la Scuola Edile come ente accreditato per lo svolgimento diretto di attività in obbligo formativo con finanziamento del Fondo Sociale Europeo. Tra le attività formative istituzionali si prevede inoltre un incremento dei corsi di formazione e di aggiornamento professionale rivolti ai lavoratori delle imprese iscritte alla Cassa Edile soprattutto in relazione alle tematiche riguardanti la normativa sulla sicurezza, per le quali la Scuola Edile ha ampliato l'offerta formativa, anche in relazione alla crescente richiesta di corsi a mercato di qualificazione e aggiornamento professionale di tecnici, liberi professionisti e aziende del settore delle costruzioni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -