Crisi libica, Maroni: "Rischio infiltrazioni terroristi"

Crisi libica, Maroni: "Rischio infiltrazioni terroristi"

Crisi libica, Maroni: "Rischio infiltrazioni terroristi"

ROMA - Il rischio di terroristi o criminali ''infiltrati'' tra i libici in fuga esiste. Lo ha detto il ministro dell'Interno Roberto Maroni. ''Abbiamo avuto segnalazioni da servizi europei su rischi di questo tipo e quindi l'attenzione è molto alta'', perché esiste ''la possibilità che dalla Tunisia arrivi qualcuno legato al mondo della criminalità o, peggio, del terrorismo''. Per questo motivo ''i controlli sono stati elevati'' e hanno ''durata maggiore che in passato''.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In seguito alla crisi libica, è stato deciso di "intensificare l'attività informativa e investigativa per proteggere gli obiettivi sensibili. È stato convocato permanentemente il comitato strategico di analisi antiterrorismo ed è stato intensificato il monitoraggio di soggetti che in passato hanno evidenziato contatti con il fondamentalismo islamico".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -