Croazia, turisti siculi picchiati per aver chiesto la fattura in un ristorante

Croazia, turisti siculi picchiati per aver chiesto la fattura in un ristorante

ROMA - Brutta avventura per cinque turisti siciliani in vacanza in Croazia, picchiati dai proprietari di un ristorante al termine di una discussione sulla conversione della valuta e il rilascio della fattura per la cena. L'episodio si è consumato nella nottata tra martedì e mercoledì nella baia di Mala Proversa a sud delle isole Dugiottok e Kattina. I malcapitati, due uomini e tre donne, in vacanza su una barca a vela, hanno già avvisato l'ambasciata e il consolato italiano in Croazia.

 

I turisti siciliani, in vacanza su una barca a vela, avevano deciso di cenare al ristorante ‘Aquarius', lungo la costa croata. Dopo aver consumato i pasti, hanno spiegato i malcapitati, il gruppo ha chiesto la conversione in euro del conto espresso sulla ricevuta in kune, la valuta locale. Ma a quanto pare i proprietari del ristorante si sono rifiutati e dopo il litigio verbale non hanno voluto riaccompagnare i turisti sulla barca ancorata al largo, come d'accordi iniziali.

 

A quel punto, ha spiegato una delle vittime, sono uscite tre persone di grossa stazza dal ristorante che li hanno colpiti con calci, pugni e schiaffi. Una donna è caduta in acqua, un'altra è stata spinta a terra e presa a calci. La terza, invecem si è gettata in mare per evitare di esser colpita.

 

Uno dei due turisti italiani ha riportato una profonda ferita al volto ed escoriazioni sparse sul corpo. Dopo l'aggressione subita, i cinque villeggianti sono stati soccorsi dallo skipper di un'altra imbarcazione che li ha riaccompagnati sul loro natante.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -