Crocifisso nelle scuole, Corte europea accoglie ricorso dell'Italia

Crocifisso nelle scuole, Corte europea accoglie ricorso dell'Italia

Crocifisso nelle scuole, Corte europea accoglie ricorso dell'Italia

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha accolto il ricorso presentato dall'Italia contro la sentenza che ha bocciato la presenza del crocifisso nelle aule scolastiche. Il caso sarà quindi esaminato dalla Grande Camera nei prossimi mesi. "Vivo compiacimento" è stato espresso dal ministro degli Esteri, Franco Frattini. "È con soddisfazione - ha detto Frattini- che constato che sono stati accolti i numerosi e articolati motivi di appello che l'Italia aveva presentato alla Corte".

 

La sentenza del 3 novembre scorso aveva stabilito che la presenza dei crocefissi nelle aule scolastiche costituisce "una violazione della libertà dei genitori ad educare i figli secondo le loro convinzioni" e una violazione alla "libertà di religione degli alunni". A sollevare il caso fu nel 2002 Soile Lautsi, cittadina italiana originaria della Finlandia.

La donna aveva chiesto all'istituto statale "Vittorino da Feltre" di Abano Terme (Padova) frequentato dai suoi due figli, di togliere i crocefissi dalle aule. In precedenza non erano valsi a nulla i suoi ricorsi davanti ai tribunali in Italia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -