Crollo a Pompei, Bondi: ''Se avessi delle colpe mi dimetterò''

Crollo a Pompei, Bondi: ''Se avessi delle colpe mi dimetterò''

Crollo a Pompei, Bondi: ''Se avessi delle colpe mi dimetterò''

ROMA - "Se avessi la certezza di avere responsabilità in quanto accaduto mi dimetterei". Lo ha affermato il ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi, che domenica ha effettuato un sopralluogo alla Domus dei Gladiatori a Pompei, crollata alle prime luci dell'alba di sabato. Bondi ha annunciato che riferirà immediatamente in Parlamento in merito a quanto ha potuto verificare "e conoscere dopo l'incontro avvenuto a Pompei, sulla base di un atteggiamento di serietà e di responsabilità".

 

Le ragioni del crollo dell'edificio della Schola Armaturarum, ha poi aggiunto Bondi, "sono chiare e derivano da infiltrazioni d'acqua e dal restauro effettuato negli anni '50 con una copertura di cemento armato, che ha determinato il crollo dell'edificio". Il ministro ha evidenziato inoltre che "negli Scavi archeologici di Pompei potrebbero verificarsi altri crolli, principalmente nelle zone non restaurate".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di luciano54
    luciano54

    Se ritiene di non avere colpe deve anche dire a chi le addossa. Il ministro Tremonti con la finanziaria che taglia drasticamente i finanziamenti alla cultura non fa parte del suo governo? Se vuole essere coerente deve chiedere le dimisiioni di Tremonti oppure dare le proprie dimissioni per disaccordo, già palesato altre volte, ma la poltrona.............

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -