Dal ravennate a Roma la protesta dei bagnini

Dal ravennate a Roma la protesta dei bagnini

Dal ravennate a Roma la protesta dei bagnini

RAVENNA - Dalla costa ravennate e cervese sono stati organizzati pullman con partenza alle 5. Tutti i concessionari balneari sono chiamati a partecipare alla manifestazione nazionale della categoria indetta congiuntamente dalla F.I.BA. - Assoturismo/Confesercenti e dal SIB - Fipe/Confcommercio, che si terrà alle 11 del 5 aprile a Roma, in Piazza Navona, sotto il Senato.

 

"Investimenti fermi, incertezze crescenti e mesi di confronto inconcludenti per la categoria che ha terminato la pazienza - questo denunciano le associazioni di categoria - ora, per ribadire ancora una volta tutta la preoccupazione della categoria per lo stato di incertezza in cui siamo precipitati e per manifestare il nostro timore e dissenso per il pericolo che le nostre imprese possano essere messe all'asta".

 

"Da Piazza Navona chiederemo di incontrare il Presidente del Consiglio, dopo aver cercato inutilmente di farlo negli ultimi due anni, per segnalargli la deriva che mette in pericolo il futuro di 30.000 imprese e famiglie e ribadire la necessità che si faccia una intesa forte tra Governo, Parlamento, Parlamentari europei, Regioni e Associazioni delle imprese per avviare un confronto serio e, se necessario, duro con la Comunità Europea al fine di ribadire la volontà dell'Italia di salvaguardare un comparto importante per l'economia turistica italiana come quello balneare - che ne rappresenta un prodotto inimitabile e che, per le sue dimensioni e particolarità, non trova uguali e non è altrove riproducibile".

 

"Contemporaneamente due delegazioni, una al mattino e l'altra nel pomeriggio, si recheranno sotto la sede romana della Regione Abruzzo, Regione che svolge funzioni di coordinamento in materia turistica, e sotto il Ministero per i Rapporti con le Regioni, per riaffermare che non condividiamo la bozza dell'Atto di Intesa Stato - Regioni sulla riforma delle concessioni predisposta dal Ministro Fitto. Per chiedere, infine, alla luce degli obiettivi che insieme abbiamo più volte ribadito di condividere, che vengano finalmente accolte le proposte formulate nel documento unitario sottoscritto da tutte le Associazioni già nel novembre scorso".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -