Debutta a Forlì la nuova legge regionale contro le infiltrazioni mafiose

Debutta a Forlì la nuova legge regionale contro le infiltrazioni mafiose

Debutta a Forlì la nuova legge regionale contro le infiltrazioni mafiose

FORLI' - Un appuntamento regionale a Forlì per fare il punto della situazione sul contrasto all'infiltrazione dei clan mafiosi nella nostra regione. Un evento per riflettere assieme alle Amministrazioni, ai cittadini, alle associazioni di categoria, al mondo produttivo e ai sindacati, coadiuvati dal Procuratore aggiunto della Direzione nazionale antimafia Alberto Cisterna. Si presenta la  nuova legge di contrasto alle infiltrazioni mafiose e per la cultura della legalità.

 

Marco Monari, Presidente del Gruppo PD in Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, annuncia l'incontro di sabato 21 maggio 2011, a partire dalle ore 10 in Piazzetta XC Pacifici a Forlì per presentare la nuova legge di contrasto alle infiltrazioni mafiose e per la cultura della legalità.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Si tratta di un risultato importantissimo: l'Assemblea Legislativa dell'Emilia-Romagna ha di recente approvato la legge regionale per la prevenzione e il contrasto alle infiltrazioni del crimine organizzato; una legge che opera su più livelli, dall'educazione alla legalità fino a provvedimenti di contrasto a usura e racket, mettendo in rete le informazioni che Amministrazioni, forze dell'ordine e altri soggetti hanno accumulato negli anni - ricorda Monari, che presiederà il convegno - Con l'Osservatorio Regionale raccoglieremo tutti i dati e il materiale disponibile. La Giunta predisporrà un Centro di Documentazione aperto ai cittadini, in cui sarà possibile informarsi e trovare contenuti aggiornati e completi. Verranno attivati percorsi didattici, saranno realizzate iniziative pubbliche e verrà istituita, il 21 marzo, la Giornata regionale in ricordo delle vittime di mafia. La legge velocizza le procedure burocratiche per l'utilizzo dei beni sequestrati: per facilitare il recupero ad uso sociale di tali beni da parte dei Comuni, la Regione attiverà uno sportello per fornire assistenza e informazioni e saranno erogati contributi per cofinanziare gli interventi di restauro, risanamento e riutilizzo».

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -