Del Turco in carcere: "Non porto rancore per nessuno"

Del Turco in carcere: "Non porto rancore per nessuno"

Del Turco in carcere: "Non porto rancore per nessuno"

Appare piuttosto fiducioso il presidente della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco, finito in manette nei giorni scorsi con l'accusa di corruzione per aver percepito presunte tangenti nell'ambito della sanità per quasi 6 milioni di euro. Detenuto nel carcere di Sulmona, Del Turco ha incontrato i deputati del Pdl Renato Farina e Giancarlo Lehner ai quali ha detto: "Non porto rancore per nessuno". Parlando ai due parlamentari ha confidato anche le difficoltà della detenzione.

 

''Quando si sta in isolamento si perde la cognizione dello spazio...Non si sa se si è in Italia o chissà dove'', avrebbe aggiunto Del Turco. Giovedì è previsto il primo interrogatorio del governatore abruzzese, che in questi giorni è stato rinchiuso in isolamento nel carcere di Sulmona.

 

In queste ore probabilmente Del Turco ha letto e riletto l'ordinanza di circa cinquecento pagine firmata dal gip Maria Michela Di Fine, in cui vengono riferiti dettagli e ricostruzioni circa le tangenti che il governatore e alcuni suoi collaboratori e assessori avrebbero percepito. Il Gip sostiene che il presidente dell'Abruzzo era colui che "promuoveva, costituiva, organizzava e dirigeva l'associazione per delinquere".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -