''Denise morta e gettata in mare'', indagata la zia paterna

''Denise morta e gettata in mare'', indagata la zia paterna

Il corpo della della piccola Denise Pipitone, la bambina di 4 anni di cui non si hanno notizie dal primo settembre del 2004 da Mazara del Vallo, gettato privo di vita in mare a largo di Palermo. E’ la terribile conclusione a cui è giunto il procuratore Silvio Sciuto in seguito alle dichiarazioni di Giuseppe Dassaro. La Procura di Marsala ha iscritto nel registro degli indagati la zia paterna della bambina, Rosalba Pulizzi, con l'accusa di omicidio e sequestro.

A confessare il tutto sarebbe stato l'ex marito della Pulizzi, Dassaro, l’uomo che lo scorso luglio ha confessato di aver ucciso la 39enne di origini elvetica Sabine Maccarone. Dassaro si è accusato di avere partecipato a far sparire il corpo della bimba. Secondo quanto dichiarato dall’uomo, la piccola Denise sarebbe stata portata a casa della Pulizzi dove però si sarebbe sentita male e qualcuno le avrebbe fatto prendere dei tranquillanti. Il mix di medicinali l’avrebbe uccisa. Quindi il corpo della piccola sarebbe stato trasportato dentro una borsa fino a Palermo, dove è stata sistemata dalla Pulizzi all'interno di un congelatore. Dassaro ha raccontanto di esser stato contattato dalla donna per sbarazzarsi del corpo, gettato in mare, a largo di Palermo. Gli inquirenti avrebbe effettuato dei riscontri, molti dei quali non corrispondono a quanto sostenuto dall'uomo.

“Sono fiduciosa sul fatto che mia figlia sia ancora in vita e lo sarò sino a quando non ci saranno riscontri certi che provino il contrario”. Così Piera Maggio, la mamma di Denise commenta le ultime notizie trapelate sull'inchiesta per la scomparsa della figlia.

Non credo che Denise sia morta – ha detto all’agenzia di stampa Adnkronos Giacomo Frazzitta, il legale di Piera Maggio - Penso invece che nel racconto di Giuseppe Dassaro ci siano solo frammenti di verità". Per l'avvocato Frazzitta la ricostruzione dei fatti fornita dal dichiarante al procuratore Silvio Sciuto, e trapelata nelle ultime ore, secondo la quale la bimba sarebbe morta e gettata in mare al largo di Palermo, conterrebbe degli elementi non riscontrabili come l'impossibilità di recuperare il corpicino di Denise. I magistrati mantengono il massimo riserbo sull'indagine.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -