Digitale Terrestre, continua il problema del Tg Regionale. Scende in campo il Corecom

Digitale Terrestre, continua il problema del Tg Regionale. Scende in campo il Corecom

Digitale Terrestre, continua il problema del Tg Regionale. Scende in campo il Corecom

Sono trascorse circa due settimane dal passaggio al digitale terrestre in Emilia-Romagna ma i problemi di RAI 3 ER non sono cambiati rispetto al vecchio sistema analogico. Per questo motivo, il Corecom (Comitato regionale per le telecomunicazioni) dell'Emilia-Romagna ha avviato una serie di iniziative per limitare i disagi degli utenti regionali. Nel 2004 il Corecom rilevò che quasi il 35% dei cittadini non era in grado di vedere il TGR della nostra Regione.

 

"Da allora - afferma Gianluca Gardini, presidente del Comitato -  abbiamo organizzato svariati tavoli tecnici, che si sono intensificati con l'approssimarsi dello switch off, proprio per risolvere questo problema, ma la RAI ha sempre sostenuto che con il passaggio alla tecnologia digitale le cose sarebbe decisamente migliorate."

 

"Al momento", "circa il 35% degli utenti emiliano-romagnoli ha le antenne orientate verso i ripetitori ubicati fuori dal nostro territorio e che, quindi, irradiano il segnale RAI di un'altra regione, in particolare Veneto, Lombardia e Marche".

"È infatti peculiarità dell'Emilia-Romagna la carenza di infrastrutture di trasmissione sul proprio territorio".

 

Questa parte di cittadinanza è quindi "tagliata fuori dalle informazioni riguardanti la propria regione ed il territorio in cui vive: un dato inaccettabile, soprattutto se la disfunzione è causata dal servizio pubblico televisivo, sostenuto con il contributo di tutti".

 

"L'Auditel ha già rilevato un calo anomalo degli ascolti del TGR serale e questa situazione di disagio porterà probabilmente ad un ulteriore assottigliamento degli effettivi fruitori del TGR, a vantaggio delle emittenti private".

 

 "A questi problemi si aggiunge un'ulteriore difficoltà, legata alla scarsa qualità dei decoder commercializzati e acquistati nella nostra Regione. Questi decoder, quando ricevono più segnali RAI 3 contemporaneamente, memorizzano automaticamente la prima frequenza sintonizzata. In quasi tutta la zona di pianura arrivano anche i segnali della Lombardia (canale 23) e del Veneto  (canale 5), quindi Rai 3 Emilia Romagna (canale 24) non viene inserita nella sintonizzazione dei canali in quanto trasmette su una frequenza successiva alle altre".

 

"In questi giorni stiamo inviando a tutti gli enti locali della regione coperti dal segnale di Rai 3 Emilia-Romagna una lettera con indicazioni concrete su come aiutare i cittadini a sintonizzarsi sul canale regionale. È importante - prosegue Gianluca Gardini - intervenire velocemente, anche perché il servizio pubblico uscirà nel prossimo futuro con edizioni regionali di Rai News 24. Per questo motivo proprio ieri abbiamo avviato un nuovo tavolo tecnico con RAI, Lepida e l'Assessore Alfredo Peri, diretto a valutare tutte le possibili soluzioni per risolvere questo disagio nella ricezione dei TGR Rai".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -