Papa Benedetto XVI annuncia: "Il 28 febbraio mi dimetto"

L'annuncio è arrivato come un fulmine a ciel sereno. Il Papa Benedetto XVI ha annunciato durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto che il prossimo 28 febbraio lascerà il pontificato

L'annuncio è arrivato come un fulmine a ciel sereno. Il Papa Benedetto XVI ha annunciato durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto che il prossimo 28 febbraio lascerà il pontificato. Le "forze e l'età avanzata - ha spiegato Joseph Ratzinger - non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero". Nato il 16 aprile 1927, era stato eletto papa dal conclave il 19 aprile 2005, dopo la morte di Giovanni Paolo II.

La "sede vacante" scatterà dalle ore 20 del 28 febbraio, ha annunciato il Papa. Dovrà quindi essere convocato un conclave per l’elezione del nuovo Papa. Ratzinger ha sottolineato che "nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell'animo. E questo vigore negli ultimi mesi in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato".

Spiega l direttore della Sala stampa della Santa Sede, Federico Lombardi, che il motivo fondamentale della decisione "è l'esame di coscienza sulle sue forze in base al compito da svolgere". "Il Papa dice che il vigore fisico negli ultimi mesi è diminuito - continua Lombardi -. Questo forse  anche noi lo abbiamo notato. Un po' di stanchezza e affaticamento maggiore rispetto al passato".

"Sono molto scosso da questa notizia inattesa - ha commentato il premier uscente, Mario Monti -. Non sono davvero in grado di commentare su un tema così importante e profondo, prima ancora di avere conoscenza dei fatti". Anche Pier Luigi Bersani, segretario del Pd, ha commentato la notizia "di portata storica. Ha precedenti solo in secoli fa, ed è storica due volte: è una decisione rarissima e secondo me, siccome questo Papa non prende decisioni per debolezza ed è un grande teologo, mi sembra un gesto di impostazione, di novità per il futuro".

Il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, si è detto sconvolto dalla notizia. "È un gesto rivoluzionario, che non ha precedenti o consuetudini a cui rifarsi. C'è l'idea di un gesto che ha una potenza evocativa straordinaria". Angelino Alfano, segretario del Pdl, riconosce "la grandezza di un pontificato e di un papa che ha saputo vedere al cuore della crisi del nostro tempo individuando dietro e prima della crisi economica una crisi antropologica"

Commenti (3)

  • ma che bella notizia è! mamma mia come sono contento!! ora spero che il giorno del conclave ci sia un attacco al vaticano e che ce lo portino via dall'italia...

  • Che notizia!!.. non mi aspettavo una cosa peggiore.. oggi non ho mangiato..l industria piu' grande perde il simbolo...ma ora che si fa? Ne mettono un altro o ci mettono un politico? W le religioni... fatte per i cogli. Ni

  • Mese di Febbraio molto intenso per l'intalia..... elezioni politiche e dimissioni del pontefice!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -