Donna in bikini, oggetto per l'uomo

Donna in bikini, oggetto per l'uomo

Donna in bikini, oggetto per l'uomo

Come una casa, un quadro o un'automobile: questo è, nel cervello dell'uomo, la donna in bikini. Lo ha rivelato una particolare ricerca condotta dagli studiosi dell'Università di Princeton, negli Stati Uniti, e coordinata dalla psicologa Susan Fiske. Secondo l'equipe di ricercatori, quando un uomo vede anche per pochi secondi una donna in costume, si attivano le aree del cervello generalmente associate alla corteccia premotoria, e cioè quelle che si attivano quando vengono visualizzato cose ed oggetti.

 

Lo studio è stato effettuato su un nutrito campione di uomini, ai quali è stata fatta vedere una serie di immagini: cose, animali, persone e, appunto, donne in bikini. Durante l'esperimento il cervello delle ‘cavie' è stato sottoposto a delle risonanze magnetiche, che hanno potuto evidenziare le aree attivate durante la visualizzazione di una certa immagine.

 

Ebbene, lo slogan della donna-oggetto ha trovato in qualche modo conferma, visto che i ricercatori hanno constatato che le donne in abiti succinti, in costume o in atteggiamenti sessuali provocatori appariscano al cervello umano come un vero e proprio ‘oggetto'.

 

Addirittura, sostiene Susan Fiske che ha diretto l'indagine, l'uomo tende a pensare verbi del tipo "afferrare, maneggiare o spingere" quando vede l'immagine di una donna in bikini.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ciò significa - dice la ricercatrice - che l'uomo quando vede donne in abiti o in atteggiamenti a sfondo sessuale subiscono un processo di cambiamento nell'attività cerebrale e modificano il modo con cui percepiscono la figura della donna considerandola non più come una persona con cui relazionarsi, ma come un oggetto sul quale intervenire, con conseguenze che tutti possono vedere nella quotidianità sia in ambito lavorativo che in altre situazioni".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Titano
    Titano

    A parer mio una bellissima donna in bikini è un essere umano molto amabile. Le "cose" sono pure invenzioni di vecchiette che il bikini non se lo possono più mettere.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -