Doping, torna in libertà Enrico Rossi

Doping, torna in libertà Enrico Rossi

Doping, torna in libertà Enrico Rossi

RIMINI - Torna in libertà Enrico Rossi, cognato di Riccardo Riccò e fratello della ciclista professionista Vania Rossi, il corridore romagnolo della Ceramica Flaminia arrestato il 21 settembre scorso dai Carabinieri dei Nas nell'ambito di un'operazione antidoping che aveva portato alle manette anche un giornalista, un ciclista amatoriale, un farmacista e un'infermiera ospedaliera con le accuse di associazione a delinquere dedita al traffico illecito di sostanze dopanti.

 

Il giudice ha firmato la revoca degli arresti domiciliari, dove il giovane corridore si trovava a Torriana. Nell'inchiesta erano state indagate a vario titolo anche 35 persone. Si tratta di atleti, medici sportivi, farmacisti e preparatori atletici. Nell'abitazione di Rossi, considerato dagli inquirenti ‘la figura centrale dell'inchiesta', venne trovata una tenda ipossica per simulare allenamenti in altura, vietata dalle leggi italiane.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -