Dopo vent'anni torna la gara podistica Ravenna-Forlì. Nacque con l'austerity

Dopo vent'anni torna la gara podistica Ravenna-Forlì. Nacque con l'austerity

Dopo vent'anni torna la gara podistica Ravenna-Forlì. Nacque con l'austerity

RAVENNA - Presieduta da Cristina Mazzavillani Muti madrina della manifestazione, si è svolta martedì a Coccolia la presentazione della riedizione della storica Forlì-Ravenna alla presenza del Sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, il presidente del Consiglio Comunale di Forlì. Il Comune di Ravenna e il Comune di Forlì hanno deciso di rilanciare, dopo vent'anni (1977-1990), la manifestazione podistica storica della Romagna, la Forlì-Ravenna che tornerà, parzialmente rinnovata, domenica 14 novembre 2010 (con partenza alle ore 9).

 

La manifestazione partecipata dall'Istituto Oncologico Romagnolo si realizza grazie al supporto organizzativo di Trail Romagna in collaborazione con il Comitato Podistico Provinciale di Ravenna.

L'idea dei promotori è quella di portare a nuova vita la gara che univa i due capoluoghi della Romagna in un clima il più possibile vicino a quello originario; recuperare un'importante tradizione sportiva del passato, riscoprendo anche lo spirito di lealtà e solidarietà che ne caratterizzò i natali.

 

Fondamentali per la realizzazione del progetto sportivo-solidale sono stati i contributi di enti, istituzioni e aziende private. Main sponsor è la Fondazione della Cassa di Risparmio di Ravenna che si unisce agli sponsor storici, le cui sedi centrali segneranno, oggi come allora, il punto di partenza e di arrivo della gara: Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna (Forlì, Corso della Repubblica) e Cassa di Risparmio di Ravenna (Ravenna, Piazza Garibaldi).

 

La Forlì-Ravenna nacque ai tempi dell'austerity, in una domenica di fine settembre del 1977 con un percorso che, ripercorrendo la linea del tram Forlì-Ravenna (soppresso nel 1930), partiva da Corso della Repubblica a Forlì e terminava in Piazza Garibaldi a Ravenna, dove si affaccia la sede delle Poste; non a caso, perché era stato il responsabile del dopolavoro di PT, Franco Guidi, a ideare la manifestazione, traendo spunto dall'assenza di traffico. L'improbabile convivenza tra auto e pedoni portò, nel 1990, a decretare la fine della gara; oggi le nuove condizioni di viabilità (è stato interamente asfaltato l'argine destro del fiume Ronco) e il crescente interesse per le corse in linea ne hanno incoraggiato il rilancio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -