Dovadola, ex Ipab Zauli. Pasini (Udc): "Evitare aumenti nelle rette"

Dovadola, ex Ipab Zauli. Pasini (Udc): "Evitare aumenti nelle rette"

DOVADOLA - E' stata recentemente firmatal'integrazione per i 33 dipendenti della ormai ex R.S.A. di Dovadola, che usufruiranno di cassa integrazione in deroga fino al 31 dicembre 2010 e che, nel frattempo, potrebbero essere inseriti in corsi di formazione e successivamente avviati in nuovi contesti lavorativi. Rimane in sospeso, invece, il futuro della ex IPAB Zauli, che dovrebbe confluire nell¹ASP Distrettuale dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato che non ha accolto la richiesta di autonomia.

 

"Il passaggio all¹ASP distrettuale - commenta il segretario Provinciale UDC Andrea Pasini - deve essere comunque approvato dal Comune di Dovadola, dal Consiglio di Amministrazione della Zauli stessa e recepito dal Comitato di Distretto che dovrà valutare la consistenza economica dell¹ente e rivedere le quote assegnate al Comune: c¹è da dire, in più che la situazione economica dell¹ASP Distrettuale non sembra troppo felice. Avevo già sollevato il problema tramite un¹interrogazione urgente al Sindaco del Comune di Forlì nel giugno scorso, ma non ho avuto nessuna risposta".

 

"E¹ nota la situazione di crisi in cui versano le numerose ASP Regionali - ribadisce Pasini - sono di grande attualità le prese di posizione delle organizzazioni sindacali, specie quelle dei pensionati, in merito agli aumenti delle rette attuate dai vari Consigli d¹Amministrazione (vedi Imola), come sono certi gli aumenti di costo che deriveranno dall¹applicazione dell¹accreditamento delle strutture socio-sanitarie: a fronte di questa situazione è necessario un approfondimento nelle opportune sedi, specie nelle competenti commissioni comunali".

 

"Bisogna scongiurare - conclude Pasini - che si giunga ad una situazione paradossale in cui gli aumenti di costo, dovuti all¹applicazione delle normative regionali, ricadano sulle rette di ricovero degli anziani ospiti delle case protette o sulle amministrazioni comunali, le cui disponibilità, limitate dalle leggi finanziarie succedutesi in questi ultimi anni, non offrono certo grandi garanzie, specie nel campo dei servizi sociali".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -