Dovadola: incendio distrugge un fienile e 800 quintali di fieno

Dovadola: incendio distrugge un fienile e 800 quintali di fieno

Dovadola: incendio distrugge un fienile e 800 quintali di fieno

DOVADOLA – Un rovinoso incendio ha distrutto un capannone adibito a deposito di fieno, martedì pomeriggio intorno alle 17,30. Le fiamme hanno divorato la struttura e circa duecento rotoballe al suo interno, per un totale di 800 quintali di fieno, causando danni per centinaia di migliaia di euro, fortunatamente nessuno, però, è rimasto ferito. Il rogo si è sviluppato in un’azienda agricola sulla strada di collegamento tra Montepaolo e Santa Lucia, nei pressi di Dovadola.

 

VAI ALLA FOTOGALLERY

 

I pompieri sono intervenuti da Forlì, Faenza, Rocca San Casciano, assieme ai volontari di Modigliana, e per domare le fiamme ci sono volute diverse ore. Il rogo è stato notato da un passante, che ha lanciato l’allarme. All’arrivo dei vigili del fuoco, le fiamme avevano già attaccato la struttura in cemento, che ha un lato aperto. Il fienile è risultato gravemente lesionato, essendosi di fatto “afflosciato” per l’intenso calore e le fiamme, mentre i pompieri sono riusciti ad evitare che il fuoco si espandesse ad un vicino allevamento non utilizzato ed ad una casa non abitata stabilmente. L’intervento ha permesso anche di salvare alcuni macchinari.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’opera di spegnimento è durata diverse ore, anche perché il fuoco continua a covare all’interno delle rotoballe, tra il fieno compresso e ci vorrà molto tempo per debellare gli ultimi focolai. In serata, comunque, il fuoco era già sotto controllo. Difficile, per ora, stabilire le cause dell’incendio: la struttura non sarebbe dotata di impianto elettrico. Simili roghi sono frequenti in estate per il clima secco e il caldo torrido, ma considerate le forti piogge di lunedì e martedì le condizioni atmosferiche di certo non avrebbero favorito lo svilupparsi delle fiamme. Sul posto, che si trova nelle colline tra la provincia di Forlì e quella di Ravenna, si sono portati i carabinieri per le prime indagini sui possibili motivi del rogo.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -