Dramma al Giro, martedì l'autopsia di Weylandt

Dramma al Giro, martedì l'autopsia di Weylandt

RAPALLO - Si apre una pagina triste per il Giro dei 150 dell'Unità d'Italia. La vita di Wouter Weylandt si è spezzata lungo la discesa del Passo del Bocco, nel comune di Mezzanego. L'alfiere della Leopard è morto a causa del terribile trauma cranico e facciale dopo esser caduto ad una ventina di chilometri dal traguardo. Il suo cuore ha smesso di battere dopo una strenua lotta durante la quale i medici della corsa rosa hanno fatto il tutto per tutto per salvarlo.

 

Il professor Giovanni Tredici ha spiegato che Weylandt era già in stato di incoscienza quando i medici lo hanno assistito. "Le condizioni erano già disperate quando siamo intervenuti - ha spiegato -. Abbiamo provato per 40 minuti a rianimarlo, ma nonostante questo non c'è stato nulla da fare". Martedì sará eseguita all'ospedale di Lavagna (Genova) l'autopsia. La procura di Chiavari ha dato l'incarico al medico legale Armando Mannucci della Asl 4 chiavarese.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -