Droga, bocciato il decreto del ministro Turco: ''Farò ricorso''

Droga, bocciato il decreto del ministro Turco: ''Farò ricorso''

ROMA – Momentanea bocciatura per il decreto firmato dal ministro della Sanità, Livia Turco, che ha innalzato da 500 milligrammi a un grammo la quantità massima di cannabis detenibile per uso personale. La sospensione è stata decisa dal Tar del Lazio.


L’ordinanza del Tar, decisa dai giudici della III sezione, presieduta da Mario Di Giuseppe, accoglie le richieste di sospensione del decreto fatte dal Codacons e dalla cooperativa sociale-comunità terapeutica di Taranto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In genere rispetto le sentenze. Ma in questo caso farò ricorso al Consiglio di Stato – annuncia a caldo la Turco -. C'è un dato tecnico giuridico infondato alla base della decisione, vale a dire che non può intervenire la discrezionalità politica. Non è così sulla base della legge Fini-Giovanardi, non lo è sulla base degli atti della Commissione insediata dal governo precedente che stabilisce la soglia massima di cannabis. Dunque se è invalidato questo decreto, lo è anche il precedente e la stessa legge Fini-Giovanardi".



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -