Droga in casa di un insospettabile: arrestato carabiniere

Droga in casa di un insospettabile: arrestato carabiniere

Droga in casa di un insospettabile: arrestato carabiniere

Aveva trasformato la sua casa in un minimarket dello spaccio. Nei guai è finito un insospettabile: un vice brigadiere dei Carabinieri in servizio presso la stazione di Castelbolognese. Si tratta del 38enne leccese Cosimo Mastrogiovanni, coniugato, residente a Misano. Ad arrestarlo lunedì sera sono stati gli agenti della Squadra Mobile di Rimini. In casa sono stati trovati quasi 400 grammi di cocaina, 346 di hashish, 0,5 grammi di marijuana. In manette anche il fratello.

 

Si tratta del 21enne Paolo Mastrogiovanni, arrivato da pochi mesi in Romagna per trovare lavoro. Ma l'operazione è stata completata con l'arresto di altre due persone di Misano, già note alle forze dell'ordine: il 38enne Marco Angelini (bagnino) ed il 52enne Livio Cavalli (imprenditore nel settore dei videogiochi).

 

Tutto ha avuto inizio in seguito ad una segnalazione secondo la quale c'era un personaggio che riusciva a spacciare nei pressi del Comune quantitativi consistenti di cocaina. Gli uomini della Squadra Mobile si sono messi subito al lavoro, notando uno scambio di un involucro tra le mani di Angelini e Cavalli.

 

Subito è stato fermato Cavalli, trovato in possesso di venti grammi di coca appena acquistati ed arrestato con l'accusa di detenzione di stupefacenti. Angelini, invece, si è recato verso l'appartamento dell'insospettabile carabiniere. Quando gli agenti stavano preparando il blitz, lo hanno beccato per le scale dopo che era uscito dall'abitazione: con sé aveva 115 grammi di ‘neve'. Per Angelini è scattato l'arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso con i due fratelli.

 

Nel corso della perquisizione domiciliare sono stati trovati quasi 400 grammi di cocaina e poco meno di hashish. Sequestrati anche contanti ed il materiale utilizzato per il confezionamento degli stupefacenti. Cosimo Mastrogiovanni aveva già avuto guai con la giustizia nell'ambito di un'inchiesta relativa ad un giro di prostituzione e per l'accusa di falso documentale. Venerdì è prevista la convalida degli arresti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -