ECONOMIA - A Bologna appuntamento con l'innovazione e la ricerca a ''Research to business''

ECONOMIA - A Bologna appuntamento con l'innovazione e la ricerca a ''Research to business''

BOLOGNA - Dodicimila metri quadrati di idee, nuove soluzioni tecnologiche, prototipi e servizi per l'innovazione e la ricerca industriale. "Research to Business 2007" arrivata alla terza edizione, raddoppia gli spazi rispetto all'anno scorso e presenta oltre 350 innovazioni tecnologiche per applicazioni industriali. Tutte le novità e i risultati del lavoro di 153 centri di ricerca, di 21 università e politecnici italiani, di 10 università internazionali, di 14 incubatori e parchi tecnologici, di un centinaio imprese con forte propensione per la ricerca (tra cui oltre 40 nuove imprese formate da ricercatori) sono i protagonisti di "R2B", il salone internazionale dedicato alla ricerca industriale, nato tre anni fa per iniziativa di BolognaFiere e Regione Emilia-Romagna per favorire l'incontro tra i più qualificati centri di ricerca italiani e internazionali e le imprese.
La manifestazione, che si terrà a Bologna il 3 e 4 maggio prossimi, realizzata anche per questa edizione dalla collaborazione di BolognaFiere, Regione Emilia-Romagna e Aster, Ministero per il commercio internazionale, ICE e con la partecipazione dei Ministeri per lo sviluppo economico e per università e ricerca, con il patrocinio della Commissione europea, sarà inaugurata il 3 maggio alle ore 10 dal presidente di BolognaFiere Luca Cordero di Montezemolo, dall'assessore regionale alle Attività produttive Duccio Campagnoli, dal ministro dello sviluppo economico Pierluigi Bersani e dal direttore generale dell'Ice Massimo Mamberti.
"R2B ospita alcuni delle aree più interessanti della nuova industria specializzata made in Italy", ha sottolineato l'assessore regionale alle Attività produttive Duccio Campagnoli nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa. "Crediamo che con questa manifestazione si stia vincendo la scommessa di fare di Bologna e dell'Emilia-Romagna il luogo di incontro, nazionale e non solo, tra ricerca e impresa. Qui si raccolgono i risultati delle reti, che stanno crescendo per la ricerca industriale. A questo obiettivo la nostra Regione ha dedicato un forte impegno, quindi ci fa molto piacere che R2B sia anche luogo d'appuntamento tra le migliori esperienze italiane, europee, ma anche di Stati Uniti, India e Cina".
L'amministratore delegato di BolognaFiere Michele Porcelli ha aggiunto: "La sfida che abbiamo lanciato tre anni fa con R2B è impegnativa, perché ricerca e innovazione sono alla base dello sviluppo del Paese. Research to Business ha registrato, nelle passate edizioni, un crescente interesse da parte del mondo imprenditoriale e scientifico, consolidato da un'attività convegnistica di altissima specializzazione e qualità. E' un protototipo di manifestazione particolarmente innovativo: non solo vetrina del lavoro dei numerosi centri di ricerca nazionali e internazionali ma anche, e soprattutto, sede capace di fornire risposte a una serie di domande di estrema importanza per le aziende e per i ricercatori".
"A R2B mettiamo in mostra il nostro futuro - ha concluso il presidente di Aster Gabriele Falciasecca -. Questa è l'occasione per vedere la sostanza della ricerca. Mettiamo in mostra anche i nostri giovani ricercatori, straordinari per attività e capacità".

LE NOVITA' E INNOVAT&MATCH
Gli espositori quest'anno saranno 320 e presenteranno i loro risultati e le loro capacità di ricerca attraverso convegni, workshop e attraverso gli incontri organizzati con la nuova formula "Innovat&match", che quest'anno R2B lancia, ossia l'organizzazione di incontri tra laboratori e imprese secondo un'agenda prestabilita, che potranno essere prenotati tramite un servizio online (www.rtob.it alla sezione info per espositori, call center 051/6398099, oppure rivolgendosi direttamente durante la manifestazione al centro "Innovat&match"). R2B presenta 6 aree tematiche: ALTA TECNOLOGIA MECCANICA; BIOTECNOLOGIE, in campo medico, nell'agroindustria, nei processi industriali; ENERGIE E AMBIENTE; NUOVI MATERIALI E NANOTECNOLOGIE; ICT (information and communication technologies). Saranno inoltre presenti un'area dedicata alle società che offrono servizi tecnici di finanza per l'innovazione e un'area dove incontrare le nuove imprese e i "parchi per l'innovazione", nella quale si troverà anche il "Prriitt Club" dove saranno esposti i risultati più significativi degli oltre 100 progetti già conclusi sui 500 sostenuti dal Programma regionale per l'innovazione. Sarà presente per la prima volta a R2B anche l'Associazione italiana dei dottori della ricerca (Adi), cioè i giovani ricercatori italiani, dove i ricercatori presenteranno le proprie competenze e le proprie idee.
Tante le novità in mostra: dalla nuova multi-compressa che consente di somministrare con un'unica pillola farmaci diversi rilasciati nell'organismo ad intervalli prestabiliti ai computer che prevedono in anticipo la rottura di tubazioni degli acquedotti; dall'insulina in polvere per dire addio alle iniezioni ai robot scuola per giovani chirurghi; dalle soluzioni tecniche sostenibili per la lotta biologica in agricoltura e nel verde urbano ai nuovi simulatori per il supporto alla progettazione di autoveicoli; dai software per misurare il dolore dal pianto dei neonati ai nuovi sistemi di autenticazione per garantire l'autenticità dei prodotti tipici.

GLI ESPOSITORI
A R2B saranno presenti tutti i grandi enti di ricerca italiani Cnr, Enea e Infm; i Ministeri per lo sviluppo economico e quello dell'università e della ricerca; l'Ipi (l'Istituto per la promozione industriale, agenzia governativa a supporto del Ministero); l'Epo (ufficio brevetti europeo); i laboratori industriali e i centri per l'innovazione della Rete Alta tecnologia dell'Emilia-Romagna; le strutture per ricerca e trasferimento tecnologico delle principali università italiane, tra cui Bologna, Modena e Reggio, Ferrara, Parma, Piacenza, Milano, Roma, Brescia, Siena, Verona e Genova, i Politecnici di Milano e Torino. Numerosa anche la presenza di centri di ricerca internazionali come i prestigiosi centri tedeschi Fraunhofer Hans-Jorg Bullinger e le università della regione Assia e Max Plance, il polo di ricerca francese Minateci, l'istituto danese Mads Clausen, il presidente di Fraunhofer Hans-Jorg Bullinger, ma anche realtà istituzionali e della ricerca come gli istituti danese Mads Clausen, l'università finlandese di Lappeenranta e quella Belga di Leuven, il Trinity College irlandese, la Hebrew University di Gerusalemme, e dall'India l'Anna University di Chennai, gli Usa presenteranno con il Console Generale in Italia Nora Demsey l'iniziativa Partnership for Growth promossa dall'Ambasciatore USA in Italia per la collaborazione con giovani ricercatori italiani. Sempre dagli USA partecipa a R2B il prestigioso centro di ricerca in campo medico e di biotecnologie Nih.
R2B si afferma quindi, come uno degli appuntamenti più importanti in Italia riservati al confronto tra mondo della ricerca e impresa e già con un profilo internazionale.

IL PROGRAMMA: ESPOSIZIONI, CONVEGNI, WORKSHOP E INCONTRI
R2B propone diverse iniziative speciali dedicate agli espositori e occasioni concrete di business, il tutto grazie all'area espositiva, ai congressi, ai worshop e ai progetti speciali di incontro tra domanda e offerta di ricerca (gli "Innovat&Match").
L'area espositiva, all'interno di due padiglioni, sarà articolata nelle seguenti aree tematiche:
- Area AMA (Alta Tecnologia Meccanica);
- Area BIO (Biotecnologie)
- Area ENA (Energia e Ambiente);
- Area NewMA (Nuovi Materiali - Nanotecnologie);
- Area ICT (Information and Communication Technologies)
- Area FINANZA e SERVIZI
- Area INCUBATORI, (Nuove Imprese Innovative e Progetti d'Impresa)

Per ciascuna delle aree tematiche si terrà una conferenza dedicata a fare il punto sull'attualità e le problematiche di sviluppo della ricerca industriale nel contesto internazionale. Il programma prevede quindi convegni (con il patrocinio della Commissione europea) sulle nuove tecnologie energetiche, sulla meccanica avanzata, sulle applicazioni Ict innovative per le imprese e sulle tecnologie convergenti per la medicina rigenerativa. Tra i temi centrali, anche il confronto tra modelli ed esperienze di innovazione internazionali, la finanza per la ricerca e l'imprenditoria innovativa femminile.
Il convegno di apertura sarà dedicato al tema della costruzione delle Reti di trasferimento tecnologico e al confronto con le esperienze internazionali. La prima sessione del convegno "Paese e territori per la ricerca" vedrà la partecipazione - accanto all'assessore Campagnoli, al presidente Montezemolo e al ministro Bersani - del delegato del presidente della Regione Lombardia Formigoni per l'alta formazione Adriano De Maio, dell'assessore piemontese per la ricerca Andrea Bairati e del vice presidente per la ricerca e l'innovazione di Confindustria Pasquale Pistorio. L'incontro sarà l'occasione per fare il punto sull'impegno - che tra l'altro vede un accordo tra le Regioni Emilia-Romagna, Piemonte e Lombardia - per produrre reti territoriali per la ricerca industriale. A seguire la seconda sessione sarà dedicata alla presentazione delle linee guida del '7° programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico' da parte del presidente dell'Agenzia per la promozione della ricerca europea Ezio Andreta, e di esperienze internazionali con gli interventi della console generale degli Stati Uniti Nora Demsey, del presidente di Fraunhofer Hans-Jorg Bullinger e dell'amministratore delegato del polo tecnologico francese di Minalogic Nicolas Leterrier.
Tra gli incontri di R2B da segnalare anche il convegno di Cna Emilia-Romagna nel quale saranno consegnati i premi "Best Practice Awards" alle aziende artigiane emiliano-romagnole selezionate tra le più innovative e l'incontro tutto al femminile dedicato alle donne imprenditrici che hanno realizzato progetti innovativi.
Nell'ambito del programma convegnistico troveranno poi spazio anche 35 workshop, ossia seminari specialistici durante i quali gli espositori potranno presentare in maniera approfondita i risultati delle proprie ricerche, le attività svolte e i servizi offerti. Tra i temi trattati, ad esempio: le tecnologie low cost per la conversione fotovoltaica e per l'efficienza energetica degli edifici e dei metodi di diagnosi energetica; i gruppi europei emergenti in materia di tecnologie per la salute; il ruolo dei brevetti nella ricerca; gli studi di rivestimenti innovativi protettivi ed estetici; l'idrogeno e le applicazioni per la mobilità; le opportunità del trasferimento tecnologico e del programma dell'Agenzia spaziale europea Esa, con la presenza di Franco Malerba, primo astronauta italiano nello spazio.
Per l'agenda di incontri "Innovat&Match2007" sono stati già ad oggi prenotati più di 60 appuntamenti diretti tra centri di ricerca ed imprese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -