Economia: a Bologna scattano i "Cocktail della Ricerca"

Economia: a Bologna scattano i "Cocktail della Ricerca"

BOLOGNA - Diffondere l'innovazione tecnologica e manageriale tra le PMI attraverso un cammino comune tra ricerca e impresa; questo l'obiettivo che CNA Innovazione ed ASTER, si propongono con "I Cocktail della Ricerca". Dopo la positiva esperienza del 2007, riparte il cammino comune attraverso 5 incontri tematici nel corso dei quali ricercatori, docenti di economia aziendale e di project management di tutta la regione ed imprenditori, dialogheranno sulle modalità e le opportunità di collaborazione tra sistema pubblico della ricerca e aziende, si confronteranno e presenteranno le proprie esperienze.

 

In Emilia Romagna il panorama della ricerca pubblica è estremamente articolato: 8.000 tra docenti e ricercatori, 6 Università, 800 dipendenti del CNR e 600 dell'ENEA, con una produzione scientifica superiore di 15 punti percentuali a quella nazionale. Inoltre, grazie al Programma Regionale per la Ricerca Industriale, l'Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico, dal 2005 è operativa la Rete Alta Tecnologia dell'Emilia Romagna, che comprende 27 Laboratori di ricerca industriale, 24 Centri per l'innovazione, tra i quali CNA Innovazione e 6 Parchi.

 

"Tutto questo - sottolinea Fabio Giovannini, Presidente di CNA Innovazione - rappresenta un patrimonio prezioso, spesso scarsamente sfruttato ed applicato nei contesti aziendali. Ecco perché, attraverso "I Cocktail della Ricerca" ci proponiamo di far conoscere alle imprese le diverse opportunità che possono scaturire dal contatto costante e dalla collaborazione con queste strutture. Attraverso i 5 incontri in programma per il 2008, ci proponiamo di discutere su strumenti, modalità e vantaggi che possono derivare da una più stretta collaborazione tra CNA, mondo universitario e della ricerca. La competitività, specie per le piccole e medie imprese non è mai un fattore acquisito una volta per tutte, ma un vantaggio che si costruisce ogni giorno".

 

Il primo appuntamento di questo nuovo ciclo de "I Cocktail della Ricerca" che si terrà domani 24 giugno (ore 18)  nei giardini di Villa Gandolfi Pallavicini, via Pallavicini 18 a Bologna, "Impresa e ricerca: comunicare per crescere. Come e perché costruire un linguaggio comune", è dedicato al tema della comunicazione della ricerca e della costruzione di un linguaggio comune quale primo passo per una efficace collaborazione tra il mondo della ricerca e quello dell'impresa. Perché è importante che imprenditori e ricercatori imparino a comunicare la "ricerca"? Come può un'azienda esprimere le proprie esigenze di ricerca? E come i ricercatori possono presentare in maniera efficace le competenze e i risultati delle proprie attività?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'imprenditrice, un manager, una ricercatrice ed un esperto del settore della comunicazione della ricerca cercheranno di rispondere a questi quesiti per comprendere l'importanza del linguaggio, sfatare dei luoghi comuni e scoprire le opportunità e i vantaggi dell'incontro, attraverso la costruzione di un percorso fatto di confronto, conoscenza reciproca e comprensione dei rispettivi punti di vista, esigenze e potenzialità. Ne parleranno infatti, coordinati da Paolo di Marco, docente di economia aziendale presso l'Università di Bologna: Giovanni Carrada, giornalista scientifico, Giuseppe Clemente, Marketing & Sales Manager Stab Group; Roberta Piccinini, presidente Consorzio MEC in BO e Adriana Valente, ricercatrice CNR IRPSS di Roma.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -