Elezioni, monito di Rifondazione: "Nessuna alleanza è scontata"

Elezioni, monito di Rifondazione: "Nessuna alleanza è scontata"

Elezioni, monito di Rifondazione: "Nessuna alleanza è scontata"

Nessuna alleanza con il Partito democratico è scontata. Lo afferma Rifondazione comunista, principale alleato del Pd in Emilia-Romagna, in Regione, in molte Province e in moltissimi Comuni. Si alza, dunque, la tensione in vista delle elezioni amministrative del 2009. "Si valuta- sottolinea il segretario regionale di Rifondazione, Nando Mainardi - di contesto in contesto, di luogo in luogo, soprattutto se si è stati al governo nei 4 anni precedenti". 

 

"Il Pd rappresenta una svolta in senso moderato delle forze riformiste: questo porta a qualche conflitto e a qualche rottura in più", osserva il segretario regionale. In Emilia-Romagna la partita con il Pd, afferma il segretario "è aperta: chiederemo un bilancio sociale delle amministrazioni uscenti, l'abbandono delle politiche securitarie e la difesa dei servizi pubblici". Ad esempio "è scandaloso- tuona il segretario- che le sorti di Enia e Hera vengano decise da un pugno di manager e sindaci, sganciati da una discussione democratica nei territori".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche per la Regione, per cui si voterà nel 2010, nulla è scontato e tutto "dipenderà dai prossimi banchi di prova- dice Mainardi- per il Piano territoriale regionale chiediamo elementi di svolta rispetto agli ultimi trent'anni, quando il livello di cementificazione è più che raddoppiato".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -