Emergenza clandestini, Tunisia pronta a cooperare

Emergenza clandestini, Tunisia pronta a cooperare

Emergenza clandestini, Tunisia pronta a cooperare

LAMPEDUSA - Continuano gli sbarchi di clandestini a Lampedusa, dove momento ci sono circa quattromila immigrati. Lunedì, a Pantelleria, i carabinieri hanno intercettato cinque immigrati sbarcati poco prima sull'isola. La situazione è drammatica. Le autorità di transizione della Tunisia si sono dette "pronte a cooperare" con gli altri paesi per far fronte all'ondata di immigrazione clandestina. A riferire la nuova posizione di Tunisi è il ministero degli Esteri.

 

Riguardo alla ipotesi del governo italiano di dislocare forze di polizia nel paese per cercare di fermare quello che il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha definito un "esodo biblico", il responsabile ha detto: "Tanto la Tunisia è fortemente interessata a preservare le relazioni di amicizia e cooperazione stabilite con l'Italia e a continuare a svilupparle, tanto esprime il suo stupore per tale decisione". Ma resta il no alla polizia italiana sulle coste del Magreb.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Credo che Tunisia e Italia - ha spiegato il ministro degli Esteri, Franco Frattini -. Abbiano un interesse comune a frenare questo traffico. L'Italia può offrire molto alla Tunisia", a partire da "un aiuto logistico in termini di equipaggiamento delle forze di polizia, ivi compresa la messa a disposizione di strumenti importanti, sia navali sia terrestri, per il pattugliamento della costa tunisina".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -