Emergenza profughi. Errani richiama al "senso di umanità"

Emergenza profughi. Errani richiama al "senso di umanità"

Emergenza profughi. Errani richiama al "senso di umanità"

"Tutti noi dovremmo essere richiamati a un forte spirito e senso di umanità. Le immagini drammatiche, spesso mortalmente tragiche che ci arrivano dal mare della Sicilia ci dicono che esiste un problema enorme". Il presidente della regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, ribadisce la disponibilità ad accogliere 1.500 profughi, ma chiede di fermare la "propaganda fuori luogo", evitando di " affrontare ideologicamente un'emergenza umanitaria di cui ancora non possiamo prevedere l'evoluzione".

 

"In questi difficili giorni per la sicurezza nell'area del Mediterraneo, l'attenzione di tutti i cittadini è accentrata sui numerosi arrivi di profughi e immigrati dalle sponde nordafricane a quelle italiane. L'Emilia-Romagna è chiamata a fare la propria parte, come tutte le Regioni italiane, come tutte le istituzioni, organizzazioni e associazioni che in questo momento possono essere utili per superare questa fase, in cui serve uno sforzo collettivo e coordinato di tutta la comunità regionale. Siamo pronti ad accogliere 1500 profughi e a garantire da subito l'ospitalità per i più piccoli attraverso la rete dei servizi sociali".

 

"Ma prima di ogni considerazione bisogna ribadire che tutti noi dovremmo essere richiamati a un forte spirito e senso di umanità. - continua Errani - Le immagini drammatiche, spesso mortalmente tragiche che ci arrivano dal mare della Sicilia ci dicono che esiste un problema enorme. Un problema che non può essere inquinato da parole di propaganda fuori luogo: in questo momento chi ha responsabilità deve evitare ogni leggerezza, evitando di affrontare ideologicamente un'emergenza umanitaria di cui ancora non possiamo prevedere l'evoluzione".

 

"L'Emilia-Romagna, insieme a tutte le altre Regioni, ha costruito con il Governo un accordo molto importante che prevede un'accoglienza diffusa sul territorio. Nessuna tendopoli ma strutture adattate con i necessari criteri di qualità, utilizzo di complessi già attrezzati e disponibili, particolari tutele per i minori e le loro madri. Di questo, ora, c'è assoluta necessità, di un sistema di accoglienza che funzioni come quando l'emergenza riguardò l'Albania, l'ex Jugoslavia, il Kossovo. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha espresso un vivo apprezzamento per l'intesa, e ha auspicato che questo segnale di coesione si confermi a ogni livello".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Facciamo dunque in modo che anche i linguaggi, le dichiarazioni, le tentazioni di fare campagna elettorale si adeguino alla gravità e alla serietà della situazione: è indispensabile che la Repubblica parli con una voce sola".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -