Emergenza rifiuti a Napoli, lo sfogo di Caldoro: ''Non pago colpe altrui''

Emergenza rifiuti a Napoli, lo sfogo di Caldoro: ''Non pago colpe altrui''

Emergenza rifiuti a Napoli, lo sfogo di Caldoro: ''Non pago colpe altrui''

NAPOLI - Continua l'emergenza rifiuti a Napoli. Nell'ultimo mese, da quando si è aggravata la situazione, i medici hanno registrato un aumento del 10-20% delle patologie respiratorie tra i bambini. La causa è da attribuire nei roghi di immondizia. In particolare, ha spiegato l presidente della Federazione italiana pediatri (Fimp) Giuseppe Mele, sono aumentati i casi di asma, tosse, faringiti e bronchiti asmatiche nei bambini, soprattutto in quelli allergici.

 

Intanto la raccolta straordinaria 24 ore su 24 iniziata con la firma dell'ordinanza del sindaco Luigi De Magistris sta facendo calare i cumuli di rifiuti in città, anche se la situazione è diversa zona per zona. Secondo le stime di Asia, azienda a totale partecipazione del Comune che gestisce la raccolta, ci sarebbero 1.720 tonnellate di immondizia a terra da recuperare. Difficile invece la situazione nell'hinterland napoletano, soprattutto nell'area flegrea.

 

Non trattiene la rabbia Stefano Caldoro, che ha ricevuto un avviso di garanzia per epidemia colposa. "Non ci sto a pagare le colpe di 15 anni di inadempienze e responsabilità dei comuni, responsabilità anche perduranti ancora oggi - ha evidenziato Caldoro -; a pagare le colpe dei ricatti e del boicottaggio della camorra; rispetto ai comportamenti irresponsabili, di fronte a questa emergenza nazionale, della Lega Nord".

 

"La Regione - ha proseguito Caldoro - ha fatto tutta la sua parte, avendo poteri minimi e residuali. Da oggi, finchè non ci saranno risposte forti da parte del governo e degli enti locali della Campania, abbandoniamo i tavoli istituzionali e nazionali presso il governo e la prefettura". "I cittadini - ha aggiunto il governatore campano - devono sapere dove sono le vere colpe e le responsabilità che sono ben lontane dall'ente Regione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -